Omicidio Rega, Elder Lee: "Sono stufo degli italiani. Mi fanno venire la nausea"

La conferma arriva da un'intercettazione del 2 agosto nel carcere di Regina Coeli. Inoltre, il ragazzo racconta al padre che i due agenti avevano mostrato i loro distintivi

Finnegan Elder Lee ha detto al padre di essere stanco degli italiani. E ha aggiunto che gli fanno venire la nausea. La conferma arriva da un dialogo intercettato nel carcere di Regina Coeli in cui Lee parla con il padre e il suo amico legale. Inoltre, il ragazzo sapeva che si trovava davanti a un carabiniere, così come l’amico Christian Gabriel Natale Hjort. Cade quindi una delle tante bugie raccontate dai due americani indagati per l’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, assassinato nella notte tra il 25 e il 26 luglio nel quartiere Prati a Roma, mentre era in servizio con il collega Andrea Varriale. La Procura della Capitale ha chiesto il giudizio immediato per i due ragazzi. I reati contestati sono tentata estorsione, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e concorso in omicidio.

Come riporta Il Tempo, Cerciello e Varriale avevano dunque mostrato i loro distintivi e la prova arriva da un’intercettazione del 2 agosto nel carcere di Regina Coeli in cui Elder sta parlando con il padre e l’amico arrivato dagli Stati Uniti per fargli da consulente legale. Nella conversazione il ragazzo racconta di aver visto due sbirri “uno dei quali più basso. Erano rivolti nella direzione opposta - prosegue Elder -. Sono venuti dietro a noi, alle nostre spalle. E la macchina militare era qui”. Dalle telecamere di videosorveglianza di un bar davanti all’ingresso dell’hotel dove alloggiavano i due amici, si nota gli americani che si nascondono dietro alle auto parcheggiate mentre sta arrivando la Fiat Punto sulla quale c’erano Cerciello, Varriale e Sergio Brugiatelli, il mediatore dei pusher a cui i due ragazzi avevano rubato lo zaino. Stando a quanto riportato dai Carabinieri, sembra sia stato proprio Hjorth a riconoscere la vettura degli agenti e a segnalarla all’amico. Inoltre, è probabile che la stessa macchina sia stata vista dai due indagati quando è arrivata la pattuglia in piazza Mastai, a Trastevere, quindi nella fase precedente all'omicidio. Sempre stando alle ricostruzioni dei Carabinieri, quando la vettura dei militari arriva a Prati poteva essere riconosciuta dai due ragazzi perché in precedenza l’avevano notata a Trastevere.

Tornando al dialogo intercettato in carcere, l’amico avvocato chiede a Elder come sta andando la vita in carcere. E la risposta del ragazzo è chiara. Sottolinea di “essere così stufo di sentire parlare in italiano tutto il giorno. Mi fa venire la nausea sentirli. Vorrei dei tappi per le orecchie”. A quel punto il padre lo rassicura e gli dice di aver speso un certo importo, "qualche migliaio di dollari. Dobbiamo inviare una lettera al Presidente (forse Donald Trump ndr) a nome di Finnegan Elder".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 19/11/2019 - 11:05

Questo ceffo viziato ed ora assassino mi dà la nausea,pensa un po'. Starai in galera a lungo e molto probabilmente le carceri italiane ti trattano meglio di come farebbero gli Yankees: notoriamente sono poco inclini a metodi gentili con chi ammazza poliziotti.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 19/11/2019 - 11:05

Libero, i delinquenti sono liberi di dire e fare tutto qui in Italia.

jenab

Mar, 19/11/2019 - 11:08

già adesso qualche pezzo grosso americano si attiva per liberarli, e noi giù a novanta gradi!!

FD06

Mar, 19/11/2019 - 11:15

Subito libero e nel suo paese, in fondo che ha fatto di male?

Giorgio Colomba

Mar, 19/11/2019 - 11:22

Assuma, pagandoselo, un maalox.

Ritratto di bobirons

bobirons

Mar, 19/11/2019 - 11:24

Gli italiani, se sono intelligenti, ti faranno venire una nausea lunga una vita. In galera ! Se preferisci, fatti giudicare da un tribunale della California per omicidio volontario. Puoi sempre scegliere fra le pene previste, camera a gas o iniezione letale.

cavolo4

Mar, 19/11/2019 - 11:49

Di galera non si farà nemmeno un giorno l’amico Giuseppi lo manderà a casa dopo che pompeo gli avrà fatto visita.

Anonimo51

Mar, 19/11/2019 - 11:50

Si, Si, dici pure al papalino di scrivere Trump, per il momento sarai processato in Italia e la lingua italiana la sentirai ancora per un bel po'. E poi i media buonisti parlano di pentimento......

arilibellula

Mar, 19/11/2019 - 12:01

incredibile: sente parlare italiano in un carcere italiano e non arabo!

amicomuffo

Mar, 19/11/2019 - 12:15

ma i gaglioffi di tutto il mondo devono venire qua a delinquere? Colpa nostra! Non abbiamo gli attributi!

Una-mattina-mi-...

Mar, 19/11/2019 - 12:21

COMMISSIONE SEGRE, SE CI SEI BATTI UN COLPO

SpellStone

Mar, 19/11/2019 - 13:33

Bhe... In carcere ci sono di tutte le nazionalità...

aldoroma

Mar, 19/11/2019 - 13:34

Ergastolo

leopard73

Mar, 19/11/2019 - 13:57

Pensa che la nausea che hai l'hai cercata tu e sei solo ALL'INIZIO della NAUSEA BALDO GIOVANE INCOSCIENTE!!!!

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Mar, 19/11/2019 - 13:57

@amicomuffo Sara' forse la legge del contrappasso , per il fatto che migliaia di Italiani , sono andati ad impestare mezzo mondo com la mafia?

crilin

Mar, 19/11/2019 - 14:09

Ma è legale intercettare un carcerato che parla col suo avvocato? E se sì, che senso ha rivelare l'intercettazione? Non è che si vuole offrirgli una bella scappatoia legale per uscirne senza danni?

claudio63

Mar, 19/11/2019 - 14:25

Adesso che gli avvocati difensori invochino il diritto alla privacy, cosi da omettere tali dati al processo e magari rilasciarlo perche il fatto non sussite, cosi ci evitiamo l'imbarazzo di dire signorsi agli americani .

razzaumana

Mar, 19/11/2019 - 14:45

...temo,purtroppo, che in un carcere italiano resterà cosi' poco ... da non aver neanche il tempo d'imparare la lingua !!! Un cittadino americano "benestante" in galera in una "COLONIA" della Madre Patria??? sembra la trama di un film di fantascienza!!!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 19/11/2019 - 15:11

ci pensa Trump a tirarlo fuori.

Giustopeppe

Mar, 19/11/2019 - 15:44

Possiate marcire in galera per tutta la vita!

veromario

Mar, 19/11/2019 - 16:34

non hai idea di quanta ne fai venire tu a noi.

cabass

Mar, 19/11/2019 - 16:54

No problem, a disposizione ci sono anche compagni di cella che parlano arabo, rumeno, albanese... Basta chiedere!

carlo dinelli

Mar, 19/11/2019 - 17:11

Caro piccolo viziatello americano, se non ti piacciono gli italiani, quando avrai scontato la pena (che spero sia lunga), potrai sempre tornare da Daddy and Mummy.....

vince50

Mar, 19/11/2019 - 17:17

Spero che la nausea gli faccia compagnia ancora per una ventina di anni.

laval

Mar, 19/11/2019 - 17:41

Non ci sono dubbi, adesso vediamo se la nostra magistratura li lascia liberi, non sarebbe la prima volta. V_V

Ritratto di cape code

cape code

Mar, 19/11/2019 - 17:42

Cicciomessere, saranno stai anche centinaia di migliaia, ma la mafia ha un origine geografica ben precisa.