Emiliano è nei guai Ora finisce indagato per le primarie del Pd

Oltre ad Emiliano sono indagati il suo capo di gabinetto, Claudio Stefanazzi, e gli imprenditori Vito Ladisa e Giacomo Mescia L'indagine riguarda la campagna elettorale per le primarie del Pd del 2017. Le accuse iniziali sono state ridimensionate

Dall’esito di ulteriori accertamenti, effettuati nei mesi scorsi dal Nucleo di polizia economico-finanziario della Guardia di finanza dalla Procura di Torino arriva l'avviso di conclusione delle indagini preliminari, firmato dal pm Giovanni Caspani, per il governatore della Puglia, Michele Emiliano, il suo capo di gabinetto, Claudio Stefanazzi, e gli imprenditori Vito Ladisa e Giacomo Mescia.

A darne notizia è La Gazzetta del Mezzogiorno. Le accuse iniziali, come era intuibile dalla mutata competenza territoriale, sono state ridimensionate. Sono, infatti, sparite le ipotesi di induzione indebita a dare o promettere utilità né quello di abuso d'ufficio, di cui era stato inizialmente chiamato a rispondere Emiliano. L'accusa ancora in piedi è quella di finanziamento illecito ai partiti, per quelle fatture alla società torinese Eggers che i due imprenditori avrebbero pagato per conto di Emiliano, al termine della campagna elettorale per le primarie del Partito democratico del 2017, poi terminate con la vittoria di Matteo Renzi. Al foggiano Mescia ed al barese Ladisa è contestato anche il reato di false fatturazioni.

L’inchiesta era stata aperta a Bari nel 2018 con le perquisizioni alla Regione disposte dalla pm Savina Toscani e dall'allora procuratore aggiunto Giorgio Lino Bruno. La torinese Eggers, società di comunicazione a cui Emiliano si era affidato per la sua campagna elettorale, aveva inviato al governatore un decreto ingiuntivo a causa di fatture non pagate. Fatture che, come aveva sostenuto già la Procura di Bari, erano state poi pagate dai due imprenditori pugliesi con l'obiettivo di avere in cambio un atteggiamento favorevole da parte della Regione in merito a richieste di finanziamento per alcuni progetti o alla partecipazione a gare pubbliche. Ipotesi, queste, sempre smentite sia dai diretti interessati che da Emiliano e Stefanazzi. Questi ultimi due avevano salutato con favore l'invio degli atti a Torino da parte dei pm baresi, nella speranza che da lì sarebbe arrivata una richiesta di archiviazione.

Secondo l'ipotesi accusatoria, Ladisa e Mescia avrebbero pagato alla Eggers 65mila e 24mila euro per saldare alcuni debiti di Emiliano. Ai due imprenditori vengono contestati anche reati fiscali, relativi alle false fatturazioni. Caduta, come spiegto in precedenza, l'ipotesi di reato inizialmente contestata dalla procura di Bari relativa all'induzione indebita a dare o promettere utilità. Il pm di Torino Giovanni Caspani non ha ritenuto che fosse provato lo scambio di favori tra il governatore e i due imprenditori.

Il pm Caspani ha, però, ritenuto necessario effettuare ulteriori accertamenti sul caso. Le verifiche, affidate agli uomini del colonnello Luca Cioffi, avrebbero dato esito parzialmente favorevole. Il pm ha anche interrogato Pietro Dotti, titolare della Eggers e già indagato nell'inchiesta barese, la cui posizione sarebbe stata stralciata dal procedimento attuale. I quattro indagati hanno ora venti giorni per presentare memorie difensive o chiedere di essere interrogati.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 13/01/2021 - 10:49

Una notizia sorprendente ci dice che sono indagati dalla giustizia molte persone fra le quali il governatore della Puglia, Michele Emiliano, il suo capo di gabinetto, Claudio Stefanazzi, ed anche gli imprenditori Vito Ladisa e Giacomo Mescia. Ciò che più colpisce è che molta gente non si meravigli affatto, però non è una novità.

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 13/01/2021 - 11:07

state sereni, le toghe rosse provvederanno ad...archiviare tutto!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 13/01/2021 - 11:17

ora i babbei comunisti grulli capiscono perchè le primarie non funzionano? anche per questo berlusconi non si è mai fidato di questo sistema... :-) a parte il fatto che tra magistrati non si fanno la guerra (forse??) !

vinvince

Mer, 13/01/2021 - 11:19

Secondo me dovrebbe anche rispondere della vendita del porto di Brindisi e di quello di Taranto.

Savoiardo

Mer, 13/01/2021 - 11:20

I Magistrati,casta cui appartiene,hanno distrutto l' industria di Taranto, in cambio di niente.Bella gente!

GioZ

Mer, 13/01/2021 - 11:22

Ridicole accuse per persone che ne hanno combinate di cotte e di crude e resteranno comunque impunite. E' come multare un ladro perchè scappando ha calpestato le aiuole.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 13/01/2021 - 11:32

Tranquilli, tra poco sarà tutto a posto. Non si tratta certo della Lega.

Ritratto di saggezza

saggezza

Mer, 13/01/2021 - 12:01

una guerra fratricida. vincerà la toga più rossa

ziobeppe1951

Mer, 13/01/2021 - 14:36

Sono peggio dei cinesi..falsificano tutto ciò che possono..questi PDioti

batpas

Mer, 13/01/2021 - 16:45

Mi associo alla maggior parte delle valutazioni: sarà tutto a posto anche se nulla è in ordine.

uberalles

Mer, 13/01/2021 - 18:49

Eh si, dove comanda il PD si sente puzza di bruciato: milioni di euro pubblici che ballonzolano da una tasca ad una coop, milioni di banchi a rotelle inutilizzati, decine di milioni di mascherine che appaiono e scompaiono, decine di migliaia di siringhe buone per iniettare a tirarlo nei mobili antichi, il tutto pagato a peso d'oro grazie alla competenza onnisciente del commissario Arcuri, uno dei tanti amici degli amici, ovviamente "untouchable"....