La variante indiana adesso fa meno paura: "Pfizer e AstraZeneca sono molto efficaci"

Il siero Usa funziona all'88% e quello inglese al 60% dopo la seconda dose

La variante indiana adesso fa meno paura: "Pfizer e AstraZeneca sono molto efficaci"

Due dosi di Pfizer e AstraZeneca ma tre di Moderna soprattutto per i fragili per proteggersi adeguatamente dalla variante indiana.

Sono stati giorni di preoccupazione per il governo di Boris Johnson in seguito all'aumento dei casi della variante indiana che si temeva potesse «bucare» la protezione offerta dalla profilassi. Tanto che il premier Johnson aveva ventilato l'ipotesi di far slittare le aperture previste per giugno che ora invece sembra possano essere confermate.

La notizia è buona anche se a metà. I vaccini sono «molto efficaci» contro la malattia sintomatica causata dalla variante indiana (B.1.617.2), ma solo dopo la somministrazione della seconda dose. Dunque una non è sufficiente ed occorre accelerare con i richiami.

Lo studio è stato condotto dalla Publich Health England in Gran Bretagna. Il vaccino Pfizer, dopo due dosi, è efficace all'88 per cento nel prevenire infezioni sintomatiche della variante indiana e al 93 nel prevenire infezioni sintomatiche della variante inglese. Con una sola dose l'efficacia si ferma al 33 per cento per la variante indiana e al 50 per quella inglese.

Con AstraZeneca, l'efficacia scende al 60 per cento contro la variante indiana e al 66 contro la variante inglese.

Gli studiosi ipotizzano però che proseguendo il monitoraggio dei casi anche la percentuale di protezione offerta dal vaccino di Oxford possa salire.

La ricerca si è svolta nei mesi di aprile e maggio su quasi 13mila casi per diverse fasce d'età. Alla luce di questi risultati il ministro della Salute britannico, Matt Hancock, si è detto più fiducioso rispetto al «libera tutti» previsto per il 21 giugno: il via libera alla fase 4 quando in sostanza si rimuoveranno tutte le restrizioni.

È indispensabile però, ha sottolineato il responsabile della Sanità che tutti i cittadini inglesi prenotino la seconda dose per garantirsi una protezione più forte. Insomma di fronte alla variante indiana cambia la strategia della campagna vaccinale inglese che aveva scelto di distanziare le due dosi proprio per somministrare la prima a maggiore numero di persone possibile. Ora invece si corre per la seconda in modo da proteggere la popolazione anche dalla temuta variante indiana.

Moderna raccomanda invece che sia inoculata una terza dose ai soggetti fragili da fine estate. Si guarda soprattutto agli anziani che sono stati vaccinati per primi all'inizio di quest'anno e che quindi sarebbe meglio proteggere con una terza dose in vista della stagione invernale.

In Gran Bretagna le vaccinazioni galoppano: sono stati raggiunti i 60,5 milioni di dosi somministrate. Le prime dosi inoculate sono salite a quasi 38 milioni mentre le seconde sono a circa 22,7 milioni, il 72 per cento e il 43 dell'intera popolazione over 16. E gli effetti della vaccinazione di massa sono evidenti le vittime di Covid nel Regno Unito ieri sono state soltanto 5.

Commenti