La procura di Milano ricorre in Cassazione: "Fabrizio Corona deve tornare in carcere"

Nunzia Gatto, rappresentante della procura generale di Milano, chiede che l'ex re dei paparazzi finisca di scontare la pena in prigione

La procura di Milano ricorre in Cassazione: "Fabrizio Corona deve tornare in carcere"

Sarà depositato entro lunedì prossimo il ricorso alla Corte Cassazione della procura Generale di Milano contro l'ordinanza con cui il Tribunale di Sorveglianza ha confermato l'affidamento territoriale a Fabrizio Corona, rigettando la richiesta del carcere avanzata dalla rappresentante della procura generale, Nunzia Gatto.

Secondo il pg, infatti, l'ex re dei paparazzi dovrebbe scontare gli ultimi due anni di pena in cella, a causa delle ripetute violazione delle prescrizioni ordinarie (rispetto degli orari, divieto di allontanarsi dalla Regione Lombardia, per esempio) commesse nelle ultime settimane dal 44enne, come le continue ospitate in televisione (come quella al Grande Fratello Vip) e il mancato rispetto di regole e orari.

Il Tribunale di Sorveglianza, la scorsa settimana, nel rigettare l'istanza del pg e nel confermare l'affidamento terapeutico territoriale, aveva parlato di esito "positivo" del percorso di Corona.

Dopo nove mesi fuori dal carcere, Fabrizio Corona potrebbe ora farci ritorno. L'ultima decisione spetta ora ai giudici della Suprema Corte.

Commenti