È prossima la convergenza tra Internet, tv e reti mobili

«Il ruolo dei vendor tecnologici sta cambiando rapidamente- Lo spiega Giuseppe Donagemma capo della regione Europa di Nokia Siemens Networks- da fornitore tecnologico di operatori stiamo diventando consulenti e partner in un mercato che vede costanti cambiamenti». In pratica il cambiamento si chiama convergenza tra il settore tlc e quello dei media delle televisioni. La Rai ad esempio ha siglato un accordo di ricerca con Nokia Siemens per sviluppare soluzioni che consentano la distribuzione di contenuti multimediali sia sui canali di telefonia mobile che sulla larga banda residenziale. La Rai intende approfondire il possibile utilizzo delle soluzioni di Nokia Siemens Networks basate su fibra ottica di prossima generazione ("NGN") per il trasporto di contenuti multimediali ad alta definizione e di applicazioni mobili a banda larga. Ma anche la rete mobile, grazie al continuo incremento della banda disponibile, si sta sempre di più proponendo come efficace piattaforma anche per la fruizione di contenuti Video (godendo di alcuni vantaggi, quali la base installata, l'interattività intrinseca tipica delle reti Ip e la possibilità di offrire una gamma di servizi maggiore). L'affermarsi, inoltre, del paradigma del Mobile Internet e degli Application Store abilita potenzialmente tutti gli attori del mondo dei Video e della Tv (Broadcaster, Editori, Web company, ecc.) a provare a giocare una partita anche in questo ambito. «Il cellulare diventerà a breve il quarto schermo per la fruizione di contenuti multimediali supportato da tecnologie 3G sempre più veloci - ha detto Donagemma- Open Internet TV, WebTV e Mobile TV saranno tra i più redditizi e stanno emergendo rapidamente come nuovi significativi modi di fruizione multimediale tra i consumatori. Questi canali si configurano oggi come un'importante opportunità sia in termini di crescita di audience in nuovi segmenti d'utenza che come potenziali generatori di ricavi».
Il futuro, ormai prossimo, vedrà la fruizione da parte del singolo utente di un palinsesto personalizzato sul video prescelto (TV, PC, Smartphone, telefonino, iPad) con una pubblicità mirata sul singolo utente. Questo modificherà anche il mercato dell'advertising dando vigore anche alla pubblicità locale, legata al territorio dell'utente. Anche l'editoria potrà beneficiare di questi prossimi sviluppi tecnologici, perché il passo successivo è il quotidiano personalizzato.