Rapporti difficili Lo strappo alle Politiche ’08 e «i due forni»

Gli ultimi anni di rapporti difficili tra Silvio Berlusconi e Pier Ferdinando Casini partono dal dicembre 2006: l’Udc non partecipa alla protesta di piazza contro la Finanziaria del governo Prodi. Al congresso dei centristi dell’aprile 2007 stravince la linea «indipendentista» di Casini e Cesa, contro la mozione Giovanardi che proponeva di rilanciare il dialogo con la Cdl. Quando Berlusconi, nel discorso del predellino in piazza San Babila a Milano, annuncia la svolta del partito unico, Casini bolla l’iniziativa come «un colpo di teatro». È del febbraio 2008 la scelta dei vertici centristi di rifiutare la proposta di aderire al Pdl. Alle Politiche del 2008 l’Udc corre da sola, alleata alla Rosa bianca di Baccini e Tabacci, ottenendo il 5,6%, vale a dire 36 deputati e 3 senatori. Nel novembre scorso, il coordinamento del Pdl decide all’unanimità di togliere il veto a un possibile accordo con l’Udc. Di queste settimane è la questione delle alleanze e le critiche di molti esponenti del Pdl alla politica «dei due forni» adottata dal partito di Casini in vista delle prossime Regionali.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.