Riva: da «ritiro asburgico» a destinazione giovanile

Riva: da «ritiro asburgico» a destinazione giovanile

Per chi arriva dai rigori della Germania e della Mitteleuropa, l'Alto Garda rappresenta da sempre il primo avamposto del Mediterraneo, la scoperta di una dolcezza inconfondibile. Le sue sponde, coperte di uliveti tra Torbole e Riva, hanno incantato generazioni di viaggiatori illustri a cominciare da Goethe, Nietzche, Kafka e i fratelli Mann. Non a caso ad Arco, l'Arciduca Alberto d'Asburgo si fece costruire il suo buen retiro invernale. Oggi l'Alto Garda è una meta famosa a livello internazionale per chi ama scivolare sull'acqua con una barca a vela o una tavola da windsurf. Una vera galleria del vento naturale dove fino a mezzogiorno soffia il Pelèr, per lasciare poi spazio all'Òra, brezza da sud più dolce. Ed è proprio il vento a rappresentare l'anima dei grandi eventi velici che hanno trovato in questo luogo uno scenario di grande prestigio grazie a circoli di fama internazionale. Una fra tutti Fraglia Vela Riva, termine che potrebbe essere una contrazione tra fratellanza e famiglia e che ispirò D'Annunzio nel chiamare Fraglia della Vela la nuova sezione autonoma della Fraglia Atletica Benacense. Come dire: un nome d'arte.
Tradizione e record. L'anno scorso Fraglia Vela Riva ha vinto il Guinness World Records grazie al Meeting del Garda Optimist che, con 1055 partecipanti, è stata la regata di vela più numerosa di una singola classe. La barca del record è il piccolo Optimist, per bambini dai 9 ai 14 anni arrivati a Riva da ben 27 paesi, quegli stessi che, una volta cresciuti, si ritrovano spesso come timonieri star nelle classi olimpiche o in Coppa America. E dal 15 al 26 luglio sarà di nuovo in scena il Mondiale Optimist 2013.
Sport ed eleganza. SpiaggiaOlivi, dal 1934 locale simbolo di Riva del Garda a ridosso del club velico, propone un nuovo glamour. Stabilimento balneare e luogo di incontri mondani, ai richiami liberty intreccia elementi classici e design che gioca con trasparenze, riflessi e tocchi di rosso. La cucina del ristorante mixa montagna e lago mentre il bar propone aperitivi musicali in un ambiente panoramico, con spazi open air estivi (www.spiaggiaolivi.it).
Non solo vela. L'Alto Garda è una immensa palestra a cielo aperto dove, nel raggio di 15 km, è possibile praticare tutti gli sport outdoor: ci sono oltre 400 km percorribili a piedi o in bici tra strade sterrate e sentieri (nuovo l'Anello Garda Sarca che collega tutti i comuni del Garda Trentino con un percorso circolare di 61 km per mountain bike e trekking), decine di corsi d'acqua, 200 vie attrezzate per tutti i livelli e campionati prestigiosi in ogni disciplina. Senza dimenticare il Golf Bogliaco, il terzo più attempato d'Italia.
Ma esiste anche il fascino della storia: la Rocca, dall'elegante aspetto austero, sede della pinacoteca, con opere fra gli altri di Pietro Ricchi, Francesco Hayez e Vincenzo Vela; la Torre Apponale: 34 metri di slancio in piazza III Novembre per 165 scalini che assicurano una vista d'incanto; la Chiesa dell'Inviolata, scrigno barocco che custodisce l'immagine della Madonna Miracolosa; il ghetto ebraico vicino al porto, sede nel XVI secolo di un'importante stamperia e il Marocco, uno dei quartieri più pittoreschi che deriva il nome dai grossi sassi (marocche) spesso inglobati nelle case. Molti edifici, tra i quali la centrale elettrica, piazza San Rocco e l'asilo, sono opera di Giancarlo Maroni, l'architetto del Vittoriale di Gardone. Poesia e musica: con una serie di incontri musicali itineranti, dal 26 giugno al 14 luglio, Garda Jazz Festival ha come scenario i luoghi più suggestivi dell'Alto Garda e, a seguire dal 27 luglio al 3 agosto, il MusicaRivaFestival, richiama giovani musicisti da tutto il mondo.
E poi il palato. Tra le eccellenze gastronomiche si trova l'olio extra vergine d'oliva a Denominazione di origine protetta, delicato ma appagante, con produzioni biologiche di pregio (Toniolli: info@oliocru.it).
Per il soggiorno: eleganza liberty e linguaggi contemporanei nel rinnovato Lido Palace, hotel 5 stelle lusso affiliato a «The Leading Hotels of the World» diretto da Gabriele Galieni. A disposizione: un parco di 12.500 mq, piscina interna ed esterna, 42 camere, due ristoranti diretti dallo chef stellato Giuseppe Sestito e una grande spa. Due notti con colazione, accesso alla spa, un trattamento viso e un massaggio: da 1.002 euro per due persone. Info: www.lido-palace.it, www.gardatrentino.it.

Commenti