Roma, si apre una voragine al Colosseo: evacuati appartamenti e negozi

L'asfalto ha ceduto attorno alle 8.45 in via Marco Aurelio, a poche decine di metri dal Colosseo. Evacuata una palazzina e due negozi al piano terra. Sul posto anche la sindaca

È stata una mattinata di paura per le sessanta persone residenti in una palazzina di via Marco Aurelio a Roma. Siamo tra villa Celimontana e il parco del Colle Oppio, a due passi da uno dei monumenti più visitati al mondo: il Colosseo. Qui stamattina l’asfalto ha ceduto, creando una grossa voragine. Il crollo è avvenuto attorno alle nove del mattino. Sul posto sono intervenuti immediatamente i Vigili del Fuoco, gli agenti della Polizia Locale e l’Italgas.

Il timore degli addetti ai lavori è quello di possibili danni strutturali alla palazzina. Per questo le famiglie che risiedono nei 24 appartamenti dell’edificio al civico 18 e 20 della stessa via sono stati evacuati. Sgomberate anche due attività commerciali che si"A parole ci hanno detto che non è inagibile ma al momento non ci fanno entrare" trovano al pianterreno e al piano interrato della struttura. Il tratto di strada che va da via Claudia a via Ostilia è stato chiuso al traffico per permettere ai tecnici di effettuare le verifiche del caso e per chiarire le cause del crollo.

Per ora si parla di una problema alle condutture idriche. "Stanotte, quando sono rientrata dal lavoro intorno all'una, usciva l'acqua dal marciapiede vicino al portone, proprio dove passa il gas. Ho chiamato i vigili del fuoco e hanno lavorato tutta la notte. La voragine in parte già si era formata ma stamattina si è allargata a dismisura", ha raccontato un'inquilina all'Adnkronos.

Il manto stradale, infatti, ha iniziato a cedere nella serata di ieri in via Marco Aurelio. L’allarme è partito subito, con decine di segnalazioni inoltrate al numero unico delle emergenze. Poi, stamattina, si è aperta la voragine ha inghiottito una porzione di marciapiede. Sono 22 in tutto le persone che hanno dovuto lasciare la propria casa. Per trovare loro una sistemazione provvisoria si sono attivati gli agenti della Polizia Locale e il Campidoglio.

Al momento, però, sono quasi tutti in strada in attesa di poter rientrare nel palazzo e recuperare i propri effetti personali. Sul posto è arrivata anche la sindaca, Virginia Raggi, che sta facendo il punto della situazione all'interno dello stabile assieme ai tecnici e al responsabile della Protezione Civile.

"A parole ci hanno detto che non è inagibile ma al momento non ci fanno entrare", ha spiegato alla stessa agenzia Arturo Accolti, un altro residente nel palazzo evacuato. "Ieri mattina – ha raccontato il condomino, che abita al terzo piano della palazzina - abbiamo sentito odore di gas, intorno alle 9". "Veniva dal portone – conferma - i tecnici dell'Italgas, venuti sul posto insieme ai vigili del fuoco, hanno chiuso il gas".

Intanto sui social divampa la polemica. Tanti i tweet e i post su Facebook contro il Campidoglio per l’ennesimo caso di cedimento dell’asfalto, stavolta nel cuore della Capitale, in un quadrante frequentato ogni giorno da migliaia di turisti. Molte le faccine arrabbiate postate sui social, e c’è anche chi ironizza: "È una buona notizia. Basterà una ordinanza della sindaca e dentro la voragine si potrà buttare tutta l'immondizia del quartiere".

Commenti

Antonio43

Lun, 20/01/2020 - 15:12

Ma quando Renato Rascel cantava "Arrivederci Roma" era perchè aveva già previsto la fine che la sua città avrebbe fatto? Che pena! Che rabbia! Spudorati, senza vergogna!