Tevere, bruciano indisturbati la plastica sulle rive del fiume

Sono stati sorpresi dagli uomini dell'arma proprio mentre stavano appiccando il fuoco all'altezza di Settebagni sul Tevere tre stranieri che bruciavano plastica indisturbati

Tevere, bruciano indisturbati la plastica sulle rive del fiume

Stavano bruciando rifiuti e plastica sulle rive del Tevere quando i carabinieri sono intervenuti attirati da una grossa colonna di fumo nero e denso che si stava alzando da Settebagni

Sono scattate le manette per tre persone, tutti stranieri con l'accusa di "Combustione illecita di rifiuti" riferisce il Roma Today. Il tutto è avvenuto venerdì sera, mentre i militari si trovavano a transitare per via Riva del Fiume. Hanno trovato un uomo di 41 anni romeno che stava scaricando un furgone, passando i rifiuti ad un altro connazionale di 29 anni e a una cittadina del Guatemala di 35 che si occupavano di gettare il tutto nel grosso fuoco che avevano allestito.

È stato necessario l'intervento dei Vigili del Fuoco per spegnere le fiamme e l'area è stata sottoposta a sequestro, i tre spediti a scontare i domiciliari come misura preventiva in attesa del rito per direttissima.

Il Tevere è purtroppo da tempo vittima inerme di inquinamento e soprattutto sulle sue sponde oltre a plastica bruciata è possibile incappare anche in vere e proprie discariche abusive. Il degrado del fiume è noto a tutti nel comune di Roma e non.

Commenti