Romeni della Caffarella: nuova condanna

La tecnica era sempre la stessa. Gli stupratori della Caffarella usavano molta cattiveria e poca fantasia. Ieri Oltean Gavrila, ventotto anni e Ionut Jean Alexandru, diciannove anni, sono stati nuovamente condannati in primo grado per concorso in rapina ai danni di un’altra coppietta di minorenni.
I due romeni, già riconosciuti responsabili dello stupro compiuto nel parco romano il 14 febbraio del 2009, sono stati processati, questa volta con rito abbreviato, dal gup Renato Laviola che ha condannato Gavrila a quattro anni di reclusione e Alexandru a due anni e otto mesi. Il giorno dopo la violenza sessuale della Caffarella, infatti, i due hanno rapinato due fidanzatini nel Parco degli Acquedotti di via Lemonia.
Stando a quanto accertato dal pm Vincenzo Barba, la ragazzina, questa volta è stata solo minacciata di violenza sessuale dai romeni, che l’hanno colpita al volto con un pugno per sottrarle due telefonini, una catenina e un braccialetto d’oro che teneva nella borsa. Il fidanzatino, invece, è stato picchiato al petto più volte con una ferocia inaudita e costretto a consegnare agli aggressori un cellulare Nokia e le sue scarpe da ginnastica Nike. In aula, il pubblico ministero ieri aveva chiesto una pena più severa, ovvero cinque anni e quattro mesi di carcere per entrambi. Il giudice, invece, ha deciso diversamente. A Gavrila, che ha negato come aveva fatto nell’altra occasione ogni responsabilità, sono state negate le attenuanti generiche per i troppi precedenti specifici. Il complice, invece, ha mostrato pentimento per quanto accaduto e ha ricevuto una condanna meno pesante.
«Si chiude un’altra brutta pagina della recente storia di Roma - ha commentato l’avvocato Carlo Scepi, che difende Gavrila -. Aspettiamo le motivazioni della sentenza tra 30 giorni per valutare il da farsi». Il 31 maggio, i due romeni torneranno in aula per il processo d’appello per lo stupro che il giorno di San Valentino di un anno fa sconvolse la capitale. Davanti al gup Luigi Fiasconaro, Oltean è stato condannato a undici anni e quattro mesi di reclusione (anche per una violenza sessuale compiuta al Pigneto il 18 luglio del 2008), mentre Alexandru se l’è cavata con sei anni.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti