Boldi rivela: "Ho incontrato Loredana con 4 bodyguard. Avevo paura"

Massimo Boldi torna sulla sua rottura con Loredana De Nardis e rivela alcuni retroscena sul loro ultimo incontro

Boldi rivela: "Ho incontrato Loredana con 4 bodyguard. Avevo paura"

Massimo Boldi torna sulla sua rottura con Loredana De Nardis. Dopo aver letto le parole di Mario Salvestroni, l'uomo fotografato in compagnia della sua ex, l'attore ha parlato di quell'incontro alla stazione di Grosseto: "Sì con me c'erano 4 bodyguard. Sono quattro persone che lavorano normalmente per me. Sono sempre a disposizione. Anche solo muovermi nella folla a volte può essere difficile: tanti mi fermano, chiedono selfie, io li faccio volentieri, ma si rischia a volte la ressa. Li ho portati per guidare e per difendermi. Avevo paura", afferma in un'intervista al Corriere. Poi rivela: "Quando lei è andata verso l'auto ho messo il piede nella portiera per non farla chiudere a Loredana".

Sulle accuse di un presunto spionaggio sulla De Nardis commissionato da Boldi, l'attore afferma: "Io conservo 400 messaggi che ci siamo scambiati dal 2005 a oggi, ci dicevamo tante cose belle. Quando eravamo lontani, lei diceva che voleva stare con me, io che volevo stare con lei. Da parte mia, ci ho messo il cuore, finché non ho dovuto fare un sms a Salvestroni in cui gli chiedevo conto di un comportamento inopportuno verso Loredana. Da allora, è cambiato tutto. Sono stato costretto a prendere delle precauzioni, perché a quella donna ho dato tanto della mia vita, non solo beni materiali, ma soprattutto il tempo sottratto alle mie figlie".

Infine Boldi parla di quell'ultimo dialogo con Loredana prima che si chiudesse in macchina: "Le ho detto “torna a Roma con me”. E lei: “andiamo Mario, andiamo” e si è chiusa in auto. E ho detto a lui che allora, da quel momento doveva farsi carico di proteggerla e mantenerla".

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
Accedi
ilGiornale.it Logo Ricarica