Britney Spears torna a casa dopo il "misterioso" ricovero

Britney Spears, ricoverata per 30 giorni in una clinica per un crollo nervoso, è stata rilasciata qualche ora fa dalla struttura, ma il programma di riabilitazione non è finito e i fan sospettano ancora che la star sia stata trattenuta contro la sua volontà

Sembra che il giallo sul ricovero "forzato" poi smentito, della cantante Britney Spears, sia giunto al termine. La 37enne della Louisiana è stata avvistata lasciare la clinica in cui è stata ricoverata per circa 30 giorni, accompagnata dal fidanzato Sam Ashgari.

La star era entrata in una struttura per curarsi da quello che potremmo definire un crollo nervoso, dovuto alla grave malattia del padre Jamie, al quale la cantante è molto legata. Britney non è nuova a problemi di natura mentale, come dimostra il grave esaurimento del 2007 che l'ha vista allontanarsi dalla scene per diverso tempo, ma il padre l'ha sempre sostenuta ed aiutata nel suo percorso di guarigione.

Rilasciata nella giornata di ieri, come riporta il sito TMZ, la reginetta del pop avrebbe ancora "gravi problemi legati ai farmaci da assumere". I dottori stanno lavorando per trovare la giusta combinazione di medicine per lei, ma " i lavori sono ancora in corso", che tradotto significa che la cantante dovrà seguire un programma di riabilitazione per diverso tempo. Soltanto qualche giorno fa Britney aveva postato una breve clip in cui salutava e rassicurava i fan, preoccupati che il suo non fosse un ricovero spontaneo, ma la 37enne aveva ribadito:"Sto bene, è un periodo difficile per me e la mia famiglia, tutto ciò di cui ora ho bisogno è del tempo per me e di privacy".

Ma la dichiarazione della cantante pop non ha del tutto messo a tacere le voci di una sua fantomatica "prigionia". Due giorni fa Britney è tornata sui social con un nuovo video che la ritrae mentre si allena, accompaganto dalla frase: "Chi l'avrebbe mai detto che lo stress mi avrebbe fatto perdere 2 kg? Bene per me!" . Molti utenti hanno comunque espresso la loro perplessità nei confronti del video, che secondo i follower sarebbe stato girato tempo prima. "Qualsiasi fan di Britney dall'inizio, sa bene che lei non avrebbe mai parlato del suo corpo in questo modo. Chiaramente non è stata lei a postare il video. Qualcuno deve farla uscire da questa tutela forzata. #freebritney", ha scritto una ragazza, e come lei in molti non si sono "bevuti" le ultime dichiarazioni della loro beniamina.