Filippo, Lady D., Meghan e la Regina: amori (reali) fatti di tradimenti e illusioni

Quando si pensa alla famiglia reale inglese, si immagina una favola. Ma dai tempi della regina Elisabetta e Filippo a oggi, le cose sono decisamente cambiate

Filippo, Lady D., Meghan e la Regina: amori (reali) fatti di tradimenti e illusioni

"La prima volta che ci siamo incontrati perché venisse da me, eravamo in un supermercato a Londra e fingevamo di non conoscerci". Un primo appuntamento non convenzionale, degno dei protagonisti di questo racconto. A parlare è il principe Harry, ospite nel podcast dell’attore Dax Shepard, poche settimane fa. In quella occasione ha parlato dell’inizio della sua relazione con Meghan Markle.

Era luglio 2016, quando un’amica in comune di Harry e Meghan, Misha Nonoo, ha organizzato un vero e proprio appuntamento al buio per farli conoscere presso la Soho House di Londra. Harry non sapeva che proprio quella sera avrebbe incontrato la donna della sua vita. "Lui dice di essersi innamorato subito, perché aveva capito che Meghan era diversa", ha raccontato a ilGiornale.it Lavinia Orefici, esperta della royal family inglese. L’attrice di Suits, al contrario, era piuttosto dubbiosa: "Durante quell’estate, lei era stata tra la costiera Amalfitana e le Baleari. Chi era con lei in vacanza racconta che continuasse a guardarsi intorno. Dopo aver raggiunto il successo, era alla ricerca di un marito. Non poteva immaginare come sarebbe andato a finire il flirt con il principe".

Harry, dal canto suo, aveva già intenzioni serie: "Ha voluto che lei partecipasse ad agosto al viaggio in Botswana, un posto a lui molto caro". Dopo Harry si recò spesso in Canada, dove lei lavorava. La relazione rimase top secret fino a novembre: Eugenie di York, parlando con la sicurezza, si lasciò sfuggire qualche informazione di troppo. Esattamente un anno dopo, annunciarono il loro fidanzamento e il 19 maggio 2018 sono convolati a nozze. "Quando si sono conosciuti avevano passato i 30 anni – ha specificato Lavinia Orefici-. Harry aveva già da tempo il desiderio di costruirsi una famiglia. Meghan è stata fortunata, perché è capitata nella vita del principe proprio in quel momento".

Il loro è un amore figlio degli anni 2000, in cui non esiste più una divisione netta tra classi sociali, il romanticismo ha ceduto il posto alla passione, ci si conosce sui social, like dopo like, ci si sposa solo se innamorati, ma non prima dei 30 anni. Ai tempi della Regina Elisabetta II e Filippo d’Edimburgo era tutto diverso: gli incontri avvenivano solo all’interno della ristretta cerchia familiare. Royal sposava royal.

Un amore di altri tempi

Elisabetta e Filippo sono cugini alla lontana. Si sono visti la prima volta nel 1934 al matrimonio tra lo zio di Elisabetta, il duca di Kent, e Marina di Grecia, parente di Filippo. Erano molto piccoli: il duca d’Edimburgo aveva 13 anni ed Elisabetta appena otto. "Non ci sono foto che li ritraggono insieme", ha specificato la Orefici. Probabilmente non fecero caso l’uno all’altra. L’incontro del 1939 andò diversamente: "Filippo studiava alla Britannia Royal Naval College di Dartmouth. In quell’anno ci fu una visita del re, Giorgio VI, a cui partecipò anche sua figlia Elisabetta. Lord Mountbatten fece in modo che anche il nipote Filippo venisse invitato a una cena sullo yatch reale. Quella visita lasciò un segno indelebile nel cuore della Regina".

Poi è scoppiata la Seconda Guerra Mondiale: Elisabetta fu trasferita nel Castello di Windsor, mentre Filippo era al fronte a combattere. Da quel momento è iniziata una lunga corrispondenza. Nel 1945, Filippo tornò in patria come un eroe, ma questo non bastò per convincere il suocero, Giorgio VI, molto scettico riguardo questa unione. "Filippo veniva da una famiglia distrutta: sua mamma era stata ricoverata in un manicomio per schizofrenia, le sorelle avevano sposato degli ufficiali nazisti, il padre si era trasferito in Francia con la sua amante –ha spiegato Lavinia Orefici -. Come se non bastasse, Filippo aveva un passato da play boy ed era straniero. A corte era soprannominato 'lo spiantato greco'. Quando Filippo chiese la mano di Elisabetta nel 1946 a Balmoral, il re volle tenere la notizia nascosta per un anno. L’annuncio arrivò nel luglio del 1947. Nonostante questo, il duca d’Edimburgo ha sempre saputo quale fosse la donna della sua vita. Diceva: 'Io sposerò la principessa Elisabetta'. E così è stato". La determinazione e la fedeltà dimostrate da Filippo non si sono più viste in nessun altro membro della royal family.

Una lunga schiera di indecisi

È risaputo che quello tra la principessa Margaret e il fotografo Antony Armstrong-Jones fu un matrimonio di ripiego. Lei avrebbe voluto sposare Peter Townsend, scudiero del Re Giorgio VI. "Townsend era separato. Ma all’epoca non erano ammessi matrimoni con persone divorziate se i coniugi fossero stati ancora in vita – ha raccontato l’esperta -. Quindi, Margaret rinunciò a questo amore per senso del dovere nei confronti della Corona, e non perché la scelta le fu imposta. Suo zio Edoardo, circa vent’anni prima, aveva abdicato per stare con Wallis Simpson. Se Margaret avesse fatto una scelta diversa, avrebbe rischiato di compromettere la stabilità della monarchia".

Nel 1958 conobbe Antony Armstrong-Jones a casa di amici in comune. Iniziarono a frequentarsi perché lui doveva scattarle delle foto per il suo 29esimo compleanno. Grazie a questa "scusa", Margaret poteva sgattaiolare nel suo studio, senza destare sospetti. La relazione è stata tenuta segreta per tanto tempo: "Si sono fidanzati nel 1960, cogliendo tutti di sorpresa. L’opinione pubblica aveva sempre immaginato un marito diverso per la principessa Margaret. Ma Antony Armstrong-Jones era molto affascinante e simpatico, stimava tantissimo la Regina. La famiglia, quindi, ha accettato la relazione".

Anche il principe Carlo è stato a lungo indeciso tra due donne: Camilla Shand, attuale duchessa di Cornovaglia, e Lady Diana, sua ex moglie. Carlo e Camilla si sono conosciuti durante una partita di polo nel 1970 e si sono frequentati per circa un anno. "Nessuno dava peso alla loro relazione: tutti pensavano che fosse una delle tante frequentazioni di Carlo, in attesa che trovasse la moglie giusta", ci ha raccontato l’esperta. Una volta che Carlo fu mandato in missione con la Marina Militare, Camilla sposò il suo ex fidanzato, Andrew Parker Bowles, appartenente all’entourage della famiglia reale. E allora che Carlo posò gli occhi su Lady Diana.

"Anche loro, come Elisabetta e Filippo, si conoscevano da sempre – ha dichiarato l’esperta -. Diana è nata nella tenuta di Sandringham, dove la famiglia reale è solita passare le vacanze natalizie. Per la regina Elisabetta II, Diana era 'one of us' (una di noi, ndr). Si è sempre pensato a lei come fidanzata di Andrea, per questioni di età”. Ma nel 1977, durante una battuta di caccia nella tenuta di Althorp, Carlo e Diana si incrociarono e qualcosa cambiò. Tre anni più tardi Diana riapparve al fianco di Carlo. Secondo Lavinia Orefici "la stampa non aveva ben chiaro il ruolo di questa ragazza. Solo quando lei fu invitata a Balmoral, realizzarono che si trattava di una cosa seria. Lady D sulla carta era perfetta per ricoprire il ruolo di regina consorte e madre del futuro erede al trono. Cosa poteva andare storto?". Quando le fu fatta la proposta di matrimonio, in realtà, non si conoscevano affatto: si erano visti solo 13 volte. Carlo aveva 32 anni: data l’età e la sua posizione, gli veniva chiesto di sposarsi. "Si è trattato di un errore di valutazione, ma d’altronde Elisabetta e Filippo erano cresciuti con una mentalità diversa, secondo cui era giusto mettere se stessi al servizio della Corona", ha commentato la Orefici.

Carlo e Diana erano in un matrimonio infelice e cercavano di trovare la serenità altrove. "Il principe Carlo e Camilla si sono sempre frequentati anche dopo le nozze – ha aggiunto la Orefici -. La famiglia reale credeva che non ci fosse più un sentimento tra i due. Dopo tutti questi anni, ha dovuto ricredersi". Il loro amore, infatti, era scritto nel destino: "La bisnonna di Camilla, Alice Keppel, è stata l’amante del bisnonno di Carlo. Camilla parlava dell’episodio con grande vanto".

Le favole contemporanee

Secondo Lavinia Orefici, il principe William e Kate Middleton hanno "un’unione di ferro basata sull’amore, sulla stima e sull’intelligenza". Eppure nemmeno tra loro è scattata immediatamente la scintilla. Almeno da parte del principe. Si sono conosciuti ufficialmente nel 2001 all’Università di St Andrews. "Sfatiamo un mito: per accedervi, è necessario sostenere dei test d’ingresso mesi prima – ci ha riferito l’esperta dei royal-. Lei non si è iscritta lì per lui, ma per ricevere la migliore formazione possibile". Kate Middleton è figlia di due ex impiegati della British Airways, diventati poi imprenditori grazie al commercio online. Per riscattarsi, hanno sempre spinto la figlia a frequentare un certo tipo di ambiente.

William e Kate si sono ritrovati a qualche banco di distanza durante le lezioni d’arte. "Ma si dice che la scintilla per il principe sia scattata nel 2002, durante una sfilata di beneficenza. Lui pagò 200 dollari per avere il posto in prima fila", ha riferito l’esperta. Sono andati a vivere insieme, in un appartamento al 13 Hope Street, condiviso con altri due studenti.

Fino a quando sono rimasti a St Andrews, la loro è stata una relazione normale. "Diana credeva che la vita dei suoi figli dovesse essere bilanciata, senza che l'aspetto pubblico prendesse il sopravvento: fu firmato un accordo con la stampa, secondo cui la famiglia reale era tenuta a fornire delle foto ufficiali all’inizio di un evento, dopo di che i media avrebbero dovuto lasciare in pace i principi".

Nel 2004 uscirono le prime foto insieme, sulle piste da sci a Klosters, in Svizzera: "Un fotografo freelance notò l’intimità dei due ragazzi, scattò delle foto e le vendette al The Sun, poi condannato per non aver rispettato l’accordo di riservatezza. Il tabloid si difese dicendo che 'qualsiasi fidanzata di William era argomento di importanza nazionale, perché sarebbe potuta essere la moglie del futuro erede al trono'. Per Kate è stato l’inizio dell’inferno. Lei non aveva il background per ricoprire il ruolo di 'principessa'. I giornali non mancavano di sottolineare le differenze tra loro e proporre candidate con un curriculum più adatto". Condizionato dal pressing mediatico, dalla giovane età e dalla voglia di divertirsi, il principe William ruppe la relazione. "Kate Middleton fu soprannominata 'Waity Katie', la Kate che aspetta. La stampa le offrì un milione di dollari per rilasciare un’intervista, ma non ha mai ceduto alla tentazione. Ha seguito i consigli di sua madre e in poco tempo lui è tornato da lei", ha chiarito la Orefici.

"I 73 anni di matrimonio della Regina Elisabetta e Filippo rimangono un traguardo difficilmente superabile per chiunque", ha ricordato l’esperta dei royal. Ma se c’è qualcuno che può raggiungerli, sono proprio William e Kate. I duchi di Cambridge hanno celebrato da poco i primi dieci anni di matrimonio, hanno tre splendidi bambini (George, Charlotte e Louis), conoscono il rispetto, il senso del dovere e soprattutto il valore della famiglia. Nonostante un inizio burrascoso e non molto romantico, tutto fa pensare a un altro lieto fine.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti