Ferzan Özpetek: "Un bimbo ha bisogno della madre"

Il regista omosessuale sostiene l'importanza della figura femminile per un bambino: "Non voglio toglierla di mezzo"

Ferzan Özpetek, il regista omosessuale turco molto noto in Italia, da qualche settimana è impegnato tra interviste e trasmissioni, per parlare del suo ultimo film, uscito oggi nelle sale cinematografiche. Si intitola La Dea Fortuna e racconta la storia di una coppia gay, interpretata da Edoardo Leo e Stefano Accorsi, che si trova a dover accudire la figlia di un'amica. Özpetek non è nucvo a queste tematiche, con cui si dimostra vicino al mondo omosessuale e, in generale, Lgbt.

In diverse interviste, effettuate negli ultimi giorni, ha spiazzato una frase pronunciata dal regista. Qualche giorno fa, Özpetek era ospite del programma su La7 L'aria che tira, condotto da Myrta Merlino: "Ha mai avuto voglia di un figlio?", gli chiede la conduttrice. A lasciare un po' perplessi non è tanto la risposta alla domanda, perché il regista aveva già dichiarato di non avere mai desiderato, insieme al compagno Simone, di avere dei bambini. Ma la motivazione che dà per spiegare la sua scelta sorprende: "Un bambino per me ha bisogno di una mamma - dice - una nostra amica ce l'ha chiesto ma noi abbiamo detto di no per questo motivo. Un figlio deve avere la figura femminile vicino". Poi aggiunge: "Ognuno è libero di fare quello che gli piace e che lo fa sentire felice. Le persone devono avere anche le leggi sulla libertà di decidere cosa le rende felici".

Dello stesso tenore sono le dichiarazioni rilasciate durante un'intervista a Repubblica: "Avrei voluto un figlio con Simone ma la natura lo impedisce- spiega Özpetek -E non volevo mettere in mezzo nessun altro o far crescere un bambino senza madre". Poi, però, precisa: "Non è una critica all' utero in affitto: le leggi devono essere per la felicità e la libertà di scelta delle persone. Ma non voglio togliere di mezzo la figura femminile, per me è la colonna portante della vita e della crescita. Poi ho una coppia di amici che hanno avuto una bimba con l' utero in affitto e la fanno crescere in modo meraviglioso".

Özpetek ci tiene a precisare di non essere contro la maternità surrogata, ma spiega che per lui non è la scelta giusta, dato che ritiene fondamentale, per un bambino, la presenza di una figura femminile.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.