Isola, Rinaldi: "Sono stata arrestata e condannata per detenzione di stupefacenti"

Intervistata dal settimanale Oggi, Nadia Rinaldi ha chiarito ancora una volta la sua posizione per quanto riguarda il consumo di marijuana all'Isola dei Famosi

"Io non ho visto Monte fumare all'Isola dei Famosi e se anche l'avessi visto, dopo quello che ho vissuto sulla mia pelle vent'anni fa, mi farei gli affari miei", inizia così la lunga intervista di Nadia Rinaldi al settimanale Oggi.

Le parole dell'ex naufraga dell'Isola dei Famosi sono piuttosto forti, ma forse non tutti ricorderanno il suo passato. Nadia, infatti, nel 1998 è stata arrestata e condannata a 1 anni e 8 mesi di carcere per detenzione di sostanze stupefacenti. "Non ho ancora elaborato quella storia - dice - e per rispetto dei miei figli continuo a tenermela dentro perché non voglio mostrare loro quanto profondo sia il mio strazio. Ma fa male dover riparlare di argomenti che mi hanno stravolto l’esistenza, che mi hanno messa in ginocchio proprio quando speravo di potermeli lasciare alle spalle. La Rinaldi e la droga: ancora? Basta! È troppo per me. Che mi si lasci fuori, perché rivivo un incubo, ne avrò pur diritto, no?".

Nell'intervista al settimanale Oggi, quindi, Nadia Rinaldi ribadisce la sua posizione in merito al presunto consumo di marijuana da parte di Francesco Monte all'Isola. Poi conclude: "Nessuno deve provare il dolore che io stessa ho vissuto".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 21/02/2018 - 15:31

In pratica tra drogati ci si copre, ora e' tutto piu' chiaro. Complimenti...

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mer, 21/02/2018 - 15:46

pochi anni ti sei FATTA........ fattona !

venco

Mer, 21/02/2018 - 16:01

E hanno fatto bene.

frabelli1

Mer, 21/02/2018 - 17:47

È da italiani voltarsi dall'altra part quando si vede qualcuno che picchia un altro. Figurarsi se fuma inuma locale pubblico o, peggio, se si fa una canna in un posto semichiuso. È nella nostra brutta mentalità. La Hengler, non dimentichiamolo, non è italiana, quindi le cose le denuncia pubblicamente come da suo costume. Sono con la Hengler, non con la Rinaldi che giustifica, siccome sa come sono le carceri, quello che si fa le canne.

alfa2000

Gio, 22/02/2018 - 02:20

è sicuramente colpa mia ( ho solo la 5^ elementare) ma non capisco giusto: "Nessuno deve provare il dolore che io stessa ho vissuto" e cioè quindi tradotto in soldoni io mi faccio gli affari miei altrimenti qualcuno potrebbe scontate quello che è successo a me!!! cioè condannata a rigor di legge per reati connessi al consumo e spaccio di droghe? quindi io non parlo e non testimonio. ma dai!!! de che stamo a parlà??????

guerrinofe

Gio, 22/02/2018 - 07:24

TUTTA gente senza DIGNITA !