Tutta la verità sulla vita di Meghan

Mentre Harry si starebbe sentendo in colpa a stare lontano dalla sua famiglia e dalla sua patria in un momento così difficile, gli inglesi scoprono il vero nome della Markle e la verità sul suo titolo nobiliare

Chi è Rachel? A farsi questa domanda sono stati i sudditi inglesi osservando in anteprima sul Mirror il certificato di nascita di Archie la cui madre è la Principessa Rachel. Ma il mistero è stato presto svelato. Il nome completo della Duchessa del Sussex infatti è Rachel Meghan Markle, "ma – come spiega una fonte del tabloid - sin dagli esordi come attrice ha scelto di usare il suo secondo nome su consiglio del suo agente perché più d’impatto e glamour rispetto al più anonimo Rachel”.

Harry e Meghan hanno sempre mantenuto il più stretto riserbo sul luogo di nascita del loro primogenito, lasciando che i tabloid si scatenassero nella ricerca della clinica privata dove il piccolo Archie ha visto la luce. Il Sun per primo svelò che Baby Sussex non era nato a casa con Meghan intenta a calmare il dolore grazie ai poteri della meditazione insegnatele da sua madre Doria, insegnante di yoga, ma nella clinica "Portland" nel centralissimo quartiere londinese di Westminster, dove Meghan ha soggiornato per tre notti prima di tornare nel Frogmore cottage. Adesso il certificato di nascita di Archie conferma il rumor diffuso dal Sun. Archie è effettivamente nato in questa clinica di lusso dal costo di 25mila sterline a notte, una cifra che fece aggrottare più di un sopracciglio fra i contribuenti inglesi già stanchi da mesi delle spese folli della "diva" Meghan.

Inoltre sul certificato si legge nella sezione "lavoro" che la Markle è "Principessa del Regno Unito", ma il Mirror, che ha avuto modo di sentire degli esperti reali, precisa che Meghan è "Principessa non di per sé, ma solo in quanto moglie di un Principe. Una sorta di principessa reggente, non una vera principessa, come è invece Kate Middleton e principi sono a pieno titolo tutti e tre i suoi figli, come ovviamente il marito William”. Sul certificato è riportato l'unico titolo reale di Meghan, quello di Duchessa del Sussex, "concessole dalla Regina nel giorno del suo matrimonio con il Principe Harry, il cui titolo completo è quello di 'Principe Henry Charles Albert David, Duca di Sussex, Conte di Dumbarton, Barone Kilkeel, Cavaliere Comandante dell'Ordine Reale Vittoriano, Personale Aiutante di Campo di S.M.'".

In occasione delle sue nozze nel 2018, come tradizione reale, il Principe è stato fatto Duca, come ogni principe reale di casa Windsor prima di lui. "La mattina delle nozze la regina Elisabetta ha nominato Henry Duca di Sussex, Conte di Dumbarton e Barone Kilkeel" spiega il Mirror, facendo notare che anche in questo caso il titolo di "Duchessa" che Meghan vanta è solo in quanto consorte del Duca del Sussex. "I caso di divorzio perderebbe questo titolo, come successe alla suocera che non ha mai conosciuto che, da Principessa del Galles in quanto moglie di Carlo, Principe del Galles ed erede al trono, divenne dopo la separazione semplicemente Lady Diana”. Il Mirror fa inoltre notare che il Principe Carlo è Duca di Cornovaglia e che "alla sua seconda moglie Camilla la Regina ha concesso il titolo di Duchessa di Cornovaglia, ma non quello di Principessa, nonostante sia moglie di un Principe erede al trono".

Nel frattempo i Duchi del Sussex stanno passando insieme al figlio Archie la quarantena a Los Angeles. La madre di Meghan però non è con loro. Doria Ragland, infatti, ha scelto di restare nella sua casa di sempre che però dista pochi isolati da quella della figlia, meno di 10 miglia. Una fonte del Daily Mail conferma che per Harry e Meghan questo è un periodo molto difficile da un punto di vista famigliare. "Meghan è preoccupata per sua madre 63enne che vive da sola, mentre Harry soffre molto per la lontananza dalla sua famiglia e si è preoccupato tantissimo per suo padre quando è stato avvisato che era stato colpito dal Coronavirus. Certo - ha aggiunto la fonte - anche se si fosse trovato a Londra, per sicurezza non sarebbe mai potuto andare a trovarlo per non rischiare di essere contagiato e diventare veicolo di contagio a sua volta, ma è anche vero che si trova da solo in quarantena in un Paese straniero, mentre Meghan è tornata dov’è nata e cresciuta e si sente a casa, per lei è tutto molto più semplice".

Parole confermate al magazine Daily Star dalla commentatrice reale Angela Mollard che ha detto: "Harry si trova lontano dalla sua famiglia di sempre in un momento emotivamente difficile per lui. Non ha molti amici a Los Angeles se non quelli di Meghan, così passa molto tempo a videochiamare i suoi amici di sempre e le persone che lo hanno sempre supportato e sostenuto dalla morte di sua madre e che risiedono però tutte nel Regno Unito che è in preda alla pandemia da settimane. Il cuore di Harry è inglese e sente di aver quasi tradito la patria, che ha servito per 10 anni nell’esercito, proprio nel momento in cui attraversa questo drammatico momento. Si sente in colpa, oltre che solo".

Non va meglio alla moglie, sempre stando al Daily Mail. "Meghan ha il cuore spezzato per non poter vedere sua madre. Ha paura perché ha più di 60 anni e ultimamente è stata un po’ cagionevole di salute. Dopo tutto – si legge sul tabloid - uno dei motivi principali per cui Meghan ha deciso di tornare a vivere a Los Angeles, oltre a voler tornare a fare l'attrice, è anche quello di stare vicina a sua madre per dare così al figlio la presenza amorevole di una nonna. Una figura affettiva che l’altra nonna, l’aristocratica ed algida Camilla, non può essere per Archie. Meghan e sua madre usano WhatsApp e FaceTime ogni giorno, ma non è la stessa cosa del potersi stringere in questo momento così delicato per tutti".

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.