Wilma Faissol e i litigi ricorrenti con Francesco Facchinetti: "Non muore nessuno se non è connesso"

Wilma Faissol ha concesso un'intervista, in cui ha rivelato il motivo dei suoi litigi ricorrenti con l'imprenditore Francesco Facchinetti. La sud americana ha fatto sapere che spesso è costretta a nascondere lo smartphone al marito

Dopo essere finito al centro del gossip per via di una presunta lite avuta con il cantante Irama, Francesco Facchinetti fa ancora parlare di sé. Questa volta, a far discutere sul conto del fondatore della NewCo Management è la moglie di quest'ultimo, Wilma Faissol, che ha concesso una nuova intervista nella quale ha parlato della sua vita privata, non risparmiandosi sui litigi che spesso avvengono con il suo consorte.

"Come reagisco se al mare o in piscina il mio partner si fa distrarre dallo smartphone? - ha detto a rotocalco F. - Questo è un problema su cui io e Francesco litighiamo spesso! Gli dico che può rispondere ai messaggi di lavoro al massimo in tre momenti del giorni, ma lui proprio non ci riesce, così sono costretta a nascondergli il telefono, come se fosse un bambino".

Wilma Faissol e la stoccata su Francesco Facchinetti

Il progresso tecnologico, che è sempre più alla portata di tutti, per molti aspetti stravolge radicalmente la vita delle persone. E Wilma Faissol, che dopo una laurea in Odontoiatria oggi si dedica alla famiglia e alla moda, proprio non accetta che il suo amato Francesco Facchinetti dedichi troppo tempo alla sua vita virtuale: "Deve capire che non è il Presidente degli Stati Uniti, né deve salvare vite: non muore nessuno se per qualche ora lui non è connesso. Lo scorso Capodanno, dalle Maldive, ho scritto ai suoi collaboratori, chiedendogli di non cercarlo neanche se fosse arrivata l’apocalisse".

Visualizza questo post su Instagram

Baciare la donna che ami dalla piscina più alta al mondo Fatto

Un post condiviso da frafacchinetti (@frafacchinetti) in data: 10 Ago 2019 alle ore 4:24 PDT

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.