Sport

2022 fuga dalla Serie A. L'Argentina vuole i suoi 2 giorni prima dello stop

È la richiesta del ct Scaloni per i 7 italiani e gli altri in Europa. Di Maria: "Falso, io ci sarò"

2022 fuga dalla Serie A. L'Argentina vuole i suoi 2 giorni prima dello stop

Voci argentine ma non nel senso di voce limpida e squillante. No, questo è un sussurro che proviene da Buenos Aires, riportata da Doble Amarilla, un sito internet assai vicino all'Afa, la federcalcio argentina presieduta da Claudio Tapia. La nazionale albiceleste ha giocato ieri notte nel New Jersey l'amichevole contro Jamaica ma si è parlato della richiesta di Scaloni, il cittì argentino, di avere a disposizione i nazionali un paio di giorni prima della data fissata dalla Fifa (14 novembre) in preparazione del debutto mondiale il 22 di novembre contro l'Arabia Saudita. Sono ventitré gli argentini sotto contratto con i club europei, due in Francia, Messi e Tagliafico; sette in Italia, Simeone, Perez, Lautaro Martinez, Joaquin Correa, Di Maria, Dybala, Paredes; 9 in Spagna De Paul, Angel Correa, Molina, Papu Gomez, Acuna, Montiel, Pezzella, Rodriguez, LoCelso; cinque in Inghilterra, Alvarez, Romero, Dibu Martinez, MacAllister, Lisandro Martinez.

Il problema non riguarda, in verità, gli spagnoli perché la Lega accettato di anticipare al mercoledì 9 l'ultima giornata del campionato per favorire il lavoro di Luis Enrique, una forma di salvaguardia della nazionale che invece, in Italia non è stata onorata per l'egoismo dei presidenti dei club nonostante le richieste di Mancini. Gli argentini della serie A saranno tutti impegnati nelle partite di campionato tra venerdì 11 a domenica 13 e in alcuni casi le sfide sono delicate, Dybala per Roma-Torino, Paredes e Di Maria in Juventus-Lazio, Lautaro e Correa in Atalanta-Inter, Perez in Napoli-Udinese. Angel Di Maria ha preso tuttavia le distanze dalla notizia, definendola falsa, dunque sarà bianconero fino alla fine, prima della pausa Qatar.

La Fifa ha stabilito che il giorno del liberi tutti sarà lunedì 14 di novembre ma, nel frattempo, diventerà importante conoscere le effettive esigenze della federcalcio argentina e il peso politico che questa ha nei confronti del governo di Zurigo. Nel caso in cui venisse accettata la richiesta di Scaloni, si verrebbe a creare un precedente per tutte le altre rappresentative nazionali presenti al mondiale, fra queste la squadra inglese che è alle prese con una crisi interna: alla vigilia del pareggio ottenuto contro la Germania, nella Nations League che ha visto l'Inghilterra finire all'ultimo posto e dunque retrocedere, i calciatori, capitanati da Keane, si sono riuniti chiedendo che al meeting non partecipasse l'allenatore Southgate. Per gli azzurri e Mancini non esiste il problema, anzi, la richiesta di anticipare Italia Austria al 19 novembre è stata respinta dalla Rai che ha in palinsesto, alla stessa ora, Ballando con le stelle. Milly Carlucci e la sua band non vogliono la concorrenza di Raspadori e Gnonto. Viva l'Italia.

Commenti