Balotelli a Prandelli: "Non sei un uomo vero"

Supermario torna sulle polemiche ricevute subito dopo i Mondiali dall'ex ct della Nazionale

Balotelli a Prandelli: "Non sei un uomo vero"

Torna a farsi sentire Mario Balotelli. E ancora una volta si butta a capofitto in una polemica. Sembra quasi che non riesca a starne fuori, che sia più forte di lui. A dire il vero questa volta si tratta di una vecchia polemica, che risale ai tempi dell'uscita di scena, decisamente troppo prematura, della nazionale azzurra dai Mondiali brasiliani. Appena usciti dal torneo tutti iniziarono a prendere di mira Balotelli, l'indiziato numero uno. E tra chi lo accusò c'era anche il ct dimissionario, Cesare Prandelli. Oggi Supermario replica a Prandelli. "Gli uomini veri si parlano in faccia. Prandelli ha parlato male di me - dice a "Sport" -. Non mi aspettavo che lo facesse davanti ai giornalisti. E non ho risposto perché non ha senso. Penso che gli uomini veri, se hanno qualcosa da dirsi, se lo dicono in faccia".

Balotelli chiama in ballo, dunque, gli "uomini veri". E subito la memoria torna a un altro bomber della Nazionale che, finito nel tritacarne della critica, se la presi coi giornalisti, dicendo loro: "Sono più uomo io di tutti voi messi insieme". Era Bobo Vieri, circa dieci anni fa.

Insomma, Balotelli non ci sta a passare per capro espiatorio. "Penso di aver avuto due, forse tre occasioni durante tutto il torneo, ho segnato contro l’Inghilterra ma non potevo fare molto altro - continua - anche Prandelli ha detto delle brutte cose su di me ("Ha solo grandi colpi per il momento, ma deve ancora diventare un campione, deve dare più garanzie sul piano della tranquillita", furono le parole dell’allora ct, ndr). Ma doveva andare a parlare coi giornali di me subito dopo la partita? Non me l’aspettavo e non ho nemmeno replicato perché penso che un uomo vero, se ha qualcosa da dirti, viene da te e te lo dice in faccia. Io sono una persona che parla in faccia, una persona diretta".

Storia finita? Bisogna vedere se (e come) risponderà Prandelli.

Commenti