Ronaldo ai titoli di coda. La voce insistente: dove va

CR7 è destinato a tornare in patria ma non prima del 2022. Ne sono sicuri in Portogallo con il 36enne di Funchal che tornerebbe a vestire la maglia dello Sporting Lisbona

Ronaldo ai titoli di coda. La voce insistente: dove va

Cristiano Ronaldo lontano dalla Juventus? Sì, ma non prima del 30 giugno del 2022 quando arriverà a scadenza di contratto con il club bianconero. Secondo quanto riportato dal quotidiano lusitano Record, il fuoriclasse di Funchal sarebbe tentato dal chiudere la carriera in patria, allo Sporting Lisbona, lì dove tutto era incominciato. Nel 2022 Cristiano avrebbe 37 anni e a fine anno lascerebbe la Juventus, si spera con l'affermazione in Champions League, per poi tornare a vestire la maglia biancoverde.

Oltre 40

Cristiano nella sua squadra del cuore, quella che l'ha fatto conoscere al grande calcio potrebbe giocare tranquillamente fino a oltre 40 anni e comunque ad alti livelli dato che il club lusitano disputa ogni anno le coppe europee. La scelta dell'ex di Real Madrid e Manchester United avrebbe anche ottenuto il gradimento da parte della famiglia con Georgina Rodriguez e figli che lo seguirebbero in Portogallo.

Chiudere in "bellezza"

Cristiano, però, vuole prima chiudere in bellezza questa stagione con la Juventus prima di concentrarsi sull'Europeo con la maglia del Portogallo dato che c'è da difendere il titolo di campioni in carica conquistato nel 2016. Il centravanti bianconero vuole però prima conquistare la qualificazione alla prossima Champions League con la Vecchia Signora e vincere anche la Coppa Italia per rendere meno amara una stagione che si può definire "fallimentare" per aver perso lo scudetto e per essere usciti male dall'Europa.

Cristiano, però, ha voglia di raggiungere e poi superare quota 100 reti con la maglia della Juventus: attualmente è fermo a quota 99 in 129 presenze complessive e vorrà toccare già quota 100 nel big match decisivo per la Champions contro il Milan di Pioli a cui ha già segnato diversi gol in carriera. La stagione di Cristiano è stata in chiaroscuro nonostante i 34 centri stagionali dato che nei momenti decisivi ha di fatto deluso.

Vedremo se nella prossima stagione tenterà ancora l'assalto alla Champions League con la maglia della Juventus o se lo farà con un'altra maglia prima di rientrare in patria chiudendo la carriera con il suo Sporting con cui tutto ebbe inizio nel lontano 2002-2003 con Cristiano che mise assieme 31 presenze complessive condite da soli 5 gol. Dopo 18 anni di carriera, però, le reti sono diventate 672 con i club più una serie di titoli, cinque Champions League e cinque palloni d'oro messi in bacheca a testimonare come sia uno dei più forti attaccanti della storia del calcio mondiale.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti