Il Chelsea esonera Di Matteo

Per il tecnico dei blues fatale il 3-0 subito a Torino con la Juventus

Fatale il 3-0 subito dalla Juve. Il Chelsea ha esonerato l'allenatore Roberto Di Matteo. Sei mesi dopo il trionfo in Champions League è già terminata l’avventura dell'italiano sulla panchina di Stamford Bridge. Lo scorso marzo Di Matteo era subentrato sulla panchina della squadra inglese ad Andrè Villas-Boas, arrivando poi sul tetto d'Europa. L’allenatore paga un avvio di stagione altalenante, con il Chelsea terzo in Premier League: ma fatale è stata la batosta subita a Torino. Tra i nomi dei candidati che circolano per la successione spicca quello di Rafa Benitez, ex Valencia, Liverpool e Inter.

In una nota del club si legge che il Chelsea "deve affrontare un compito difficile in per cercare la qualificazione alla fase ad eliminazione diretta della Champions League, nonché mantenere una posizione di vertice nella Premier League, mentre compete in altre tre competizioni. Il nostro obiettivo è quello di rimanere il più competitivi possibile e dare il massimo su tutti i fronti".

Il proprietario e il Consiglio di amministrazione del Chelsea "ringraziano Roberto per tutto quello che ha fatto per il club da quando ha preso la squadra a marzo. Roberto ha contribuito a guidare il nostro club ad una storica vittoria della Champions League e alla settima FA Cup. Non dimenticheremo mai l’enorme contributo che ha dato per fare la storia di questo club e sarà sempre il benvenuto a Stamford Bridge. Il club farà un annuncio a breve sul nome del nuovo tecnico della prima squadra".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Coralie

Coralie

Mer, 21/11/2012 - 11:56

" Sgarnera noa spasa ben in ca! "= Scopa nuova pulisce bene la casa! " Questo detto dei nostri nonni si addice, da tempo, perfettamente alla policy delle societa' di calcio: si spera che l'effetto psicologico del cambio dell'allenatore inietti nuovi stimoli alla squadra. Tutti coloro che hanno giocato al calcio a certi livelli, sanno benissimo che cio' non e' assolutamente vero. E se lo e', lo e' per un turno o due. In campo ci sono i giocatori e non gli allenatori, percio' i maggiori responsabili dell'andamento e del risultato dell'incontro sono i giocatori, quelli infortunati e gli errori arbitrali a parte che comunque incidono sul "rally" delle partite. La regola non cambia, anche se sbagliata: paga l'allenatore. Di Matteo " dall'altare alla polvere ", questa e' la regola di chi di calcio non ne capisce molto!

mbpepe

Mer, 21/11/2012 - 16:09

Roberto Di Matteo neppure qualche mese fa ha vinto una Coppa come la Champion League, ma l'ignoranza del proprietario del Club in tema di calcio è tale da non lasciare lavorare un professionista (italiano) di ottima qualita'. Un grande in bocca al lupo e un augurio di finire in un Club dove oltre i soldi ci sono anche altri valori

Ritratto di tirso55

tirso55

Mer, 21/11/2012 - 18:38

Mi dispiace che l'esonero arrivi dopo la sconfitta con la Juve, ma era già tutto deciso e hanno approfittato della situazione. Arriveranno altre occasioni, ci sono allenatori che non valgono una cicca ma si sanno vendere bene, e Di Matteo potrà dimostrare altrove quanto vale effettivamente.