Inter, il sogno Modric resta vivo. Joao Mario, Candreva e Karamoh sul mercato

L'Inter continua a lavorare sul mercato sperando di piazzare il colpo Modric. In uscita, invece, si lavora per piazzare uno tra Karamoh e Candreva e Joao Mario che rischia di finire fuori rosa

L'Inter fino a questo momento ha condotto un mercato incredibile con gli acquisti di tanti giocatori forti e utili alla causa Spalletti. Ausilio proprio ieri ha chiuso per l'acquisto di Keita Balde dal Monaco, il settimo acquisto di questa fantastica estate nerazzurra che potrebbe diventare stellare con l'acquisto di Luka Modric che giovedì 16 agosto, all'indomani della sfida di Supercoppa Europea contro l'Atletico Madrid, chiederà nuovamente la cessione a Florentino Perez, ribadendogli la volontà di vestire la maglia dell'Inter, dove ritroverebbe anche tanti compagni di nazionale come Marcelo Brozovic, Ivan Perisic e Sime Vrsaljko.

L'Inter, però, dovrà badare anche alle cessioni e il primo sulla lista è Joao Mario, che però continua a rifiutare tutte le destinazioni: le soluzioni sono dunque due, metterlo fuori rosa o cercare di piazzarlo in Germania, Francia e Spagna dato che lì mercato chiuderà il 31 agosto e non il 17 come in Italia. Per il classe '93 si sta facendo sotto il Betis Siviglia, pronto a presentare un'offerta ufficiale per strapparlo ai nerazzurri, che non possono cederlo per meno di 28-30 milioni per non generare una minusvalenza. Attenzione alle situazioni attorno a Yann Karamoh e Antonio Candreva, visto che con gli arrivi di Keita e Politano potrebbero avere meno spazio: uno dei due potrebbe anche salutare la compagnia. Per il giovane francese si prospetta un prestito mentre per l'esperto giocatore romano, ex Juventus e Lazio, si parla di una cessione a titolo definitivo magari al Monaco, destinazione al momento non gradita da Candreva.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.