Juventus, giocatori in isolamento: tampone per tutti i membri dello staff

Tutti i giocatori della Juventus sono stati messi in isolamento presso il J Hotel e nei prossimi giorni saranno sottoposti al tampone. Quarantena forzata e possibile ritorno in campo per gli allenamenti non prima del 25 marzo

La notizia della positività di Daniele Rugani ha scosso il mondo Juventus e quello del calcio italiano dato che si tratta del primo caso, e si spera anche l'unico, in Serie A. Il difensore bianconero ha avuto qualche linea di febbre in questi giorni e tutto questo ha indotto lo staff medico del club di corso Galileo Ferraris a sottoporlo al tampone che ha purtroppo rilevato la positività al coronavirus del proprio tesserato che dalla sua pagina ufficiale di Instagram ha voluto tranquillizzare tutti: "Ci tengo a tranquillizzare tutti coloro che si stanno preoccupando per me, sto bene. Invito tutti a rispettare le regole, questo virus non fa distinzioni. Facciamolo per noi stessi, per i nostri cari e per chi ci circonda".

Ora che succede

Rugani è stato messo subito in isolamento alla Continassa, dove resterà in quarantena per 14 giorni. Stessa sorte per tutti i suoi compagni di squadra e per i membri dello staff che hanno avuto contatti con il difensore bianconero. Alcuni giocatori hanno deciso di stare lontani dalla rispettive famiglie ed hanno deciso di auto isolarsi presso il J Hotel, struttura praticamente annessa al centro sportivo bianconero dove di solito la squadra si ritrova per i ritiri. L'unico assente giustificato è Cristiano Ronaldo che è volato in Portogallo per stare vicino alla madre che qualche giorno fa aveva avuto un ictus. Il 35enne ex Real Madrid dovrà osservare la quarantena in patria fino a quando non si saranno calmate le acque.

Tutta la Juventus, dunque, dovrà sottoporsi al tampone, e con loro tutto lo staff, soprattutto chi lavora a stretto contatto con i calciatori. La procedura, infatti, impone la quarantena per chiunque abbia avuto un contatto ravvicinato per un tempo superiore ai 15 minuti dato che il virus ha un tempo massimo di incubazione che va dai due agli undici giorni, con un tempo medio di poco di più di cinque giorni. Agli altri giocatori bianconeri verrà fatto il test nel giro di massimo quattro-cinque giorni.

Gli allenamenti, ovviamente, sono sospesi fino a data da destinarsi e tutti dovranno attenersi rigorosamente al protocollo. Anche l'Inter, avendo giocato contro la Juventus nell'ultimo turno di campionato ha annunciato la sospensione di ogni attività e che prenderanno le dovute precauzioni con quaratena e quant altro per tutti i calciatori nerazzurri e membri dello staff. La squadra potrebbe ritrovarsi il 25 marzo per gli allenamenti con il match contro il Lione, in programma il 17 marzo, che sarà rinviata a data da destinarsi. Non è detto, però, che nel caso tutto vada per il meglio la Juventus possa tornare in campo per il weekend del 4-5 aprile.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.