Juventus, Nedved snobba Icardi: "Non parlo di giocatori altrui"

Il vice Presidente della Juventus Pavel Nedved ha presentato il match di campionato contro il Parma al posto di Sarri e ha anche parlato di mercato: "Icardi? Fa parte di un'altra squadra. Dybala non è mai un problema"

Maurizio Sarri non sarà in panchina domani contro il Parma e alla vigilia del match contro i ducali è stato Pavel Nedved ad incontrare i giornalisti per presentare il match contro i ragazzi di D'Aversa: "Oggi sono qui perché ci sembrava corretto, visto che domani inizierà una competizione ufficiale. Vi porto i saluti di Sarri, che come sapete ha la polmonite, lo rivedrete dopo la sosta. La nostra società ha fatto cambiamenti importanti, a cominciare dall’allenatore. Siamo convinti delle nostre scelte e crediamo che nel presente e nel futuro ci daranno frutti. Ma non è un momento di transizione: la Juve vuole vincere anche quest’anno, Sarri sta facendo un grande lavoro e nonostante le difficoltà degli ultimi giorni la squadra lo sta seguendo. La polmonite non è una cosa semplice".

Il vice Presidente della Juventus ha poi parlato della Champions League che manca da oltre 23 anni nella bacheca di Corso Galileo Ferraris: “La Champions non è un’ossessione ma un obiettivo concreto. Io però penso che non si debba mollare nulla: la Juve parte per vincere tutte le competizioni a cui partecipa, senza preferenze. La nostra certezza in questo momento sono i giocatori: abbiamo costruito una delle squadre più forti d’Europa. La Juve è storicamente fatta per vincere. Sappiamo che ci saranno delle difficoltà ma la squadra sta rispondendo molto bene. Ci sentiamo forti”.

Nedved ha infine parlato di mercato glissando su Icardi e tenendosi stretto Paulo Dybala: "Come ogni anno abbiamo una rosa di 24-25 elementi, c’è concorrenza e i ragazzi lo sanno. Fabio Paratici ha fatto un grandissimo mercato, in entrata e in uscita. Non è ancora finito, strada facendo coglieremo delle occasioni. Siamo aperti su tutto. Icardi? Non parlo dei giocatori altrui. Dybala? Paulo non può mai essere un problema perché è un grandissimo giocatore, Sarri lo sta provando da falso nove e lui lo sta facendo bene. Ha avuto un buon precampionato. Higuain è uno dei due-tre centravanti più forti del mondo. Ha tutto, velocità, fisico, tecnica e soprattutto porta tanti gol”.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?