L'Inter passa a Crotone e ora vede lo scudetto vicino. Ecco quando può vincerlo

Il 2-0 sul Crotone porta l'Inter a quota 82 punti e vicinissima allo scudetto. Se domani l'Atalanta non batterà il Sassuolo sarà tricolore numero 19 per i nerazzurri con 4 giornate d'anticipo. Calabresi retrocessi matematicamente in Serie B

L'Inter passa a Crotone e ora vede lo scudetto vicino. Ecco quando può vincerlo

Un punto, ora serve solo un punto all'Inter di Antonio Conte per avere la matematica di vincere lo scudetto numero 19. Un punto oppure ancora meglio: basterà infatti che domani pomeriggio l'Atalanta di Gasperini non vinca sul campo del Sassuolo di De Zerbi per cucirsi sul petto il tricolore seduti comodamente sul divano. Se così non sarà, invece, basterà un punto sabato 8 maggio contro la Sampdoria di Claudio Ranieri già abbondantemente salva per festeggiare finalmente uno scudetto meritato, sudato e dominato.

La vittoria per 2-0 contro il Crotone, la numero 25 in campionato su 34 giornate, porta la firma di Christian Eriksen che ha lasciato il suo marchio appena entrato in campo al posto del positivo Sensi e di Hakimi in pieno recupero. Non inganni il risultato striminzito dato che l'Inter ha dominato contro un avversario che si è difeso con le unghie e con i denti, con i due pali di Lukaku e Lautaro Martinez che gridano ancora vendetta.

I nerazzurri consolidano così la miglior difesa del torneo con sole 29 reti subite mentre si prende il secondo posto come miglior attacco, con 74 reti realizzate, davanti al Napoli di Gattuso e dietro solo all'Atalanta di Gasperini che domina questa particolare classifica. L'Inter ha fatto il suo allo Scida di Crotone e ora dovrà solo attendere Sassuolo-Atalanta per sapere se potrà festeggiare il titolo con 4 giornate d'anticipo: un'enormità se si pensa che al termine del girone d'andata era stato il Milan a laurearsi campione d'inverno. La grande cavalcata nel girone di ritorno con 13 vittorie e due pareggi nelle 15 partite giocate hanno creato un solco incolmabile con le avversarie che si sono dovute arrendere allo strapotere. 2 maggio o 8 maggio: quando l'Inter potrà festeggiare il tricolore? Lo scopriremo solo attendendo.

La cronaca della partita

Crotone subito pericoloso al 2' con un tiro di Ounas respinto da Handanovic. L'Inter sale di tono con Sensi che due volte tra il 2' e il 3' che sfiora il gol. Al 23' Lukaku la prolunga di testa su calcio d'angolo colpendo il palo. I nerazzurri continuano a premere e si procurano diverse occasioni da rete ma la più ghiotta capita sui piedi di Lautaro che al 44' è poco fortunato con il suo tiro che si stampa sul palo.

Nella ripresa i ritmi sono più lenti all'inizio e la prima occasione capita per due volte sui piedi di Sensi al 58' ma Cordaz blocca sicuro. Hakimi conclude alto di destro al 60' e al 69' ecco la rete del vantaggio siglato da Eriksen al termine di una fantastica azione nello stretto. Sanchez per Eriksen che serve di tacco Lukaku, con il belga che scarica sul danese che di destro fulmina, con leggere deviazione, Cordaz. Lukaku raddoppia all'83' su assist di Perisic ma l'arbitro annulla per fuorigioco su segnalazione del Var. In pieno recupero al 92' Barella parte in contropiede e serve Hakimi che solo davanti a Cordaz segna il 2-0 con un sinistro rasoterra.

Il tabellino

Crotone: Cordaz; Djidji, Magallan, Golemic; Molina, Cigarini, Benali, Reca; Messias, Ounas, Simy.

Inter: Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Brozovic, Sensi (65' Eriksen), Darmian (65' Perisic); Lautaro Martinez (65' Sanchez), Lukaku.

Reti: 69' Eriksen (I), 92' Hakimi (I)

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti