MotoGp, dopo il calcio di Rossi, la donna vuole denunciarlo. Ma ecco perché non può

Prima dell'ultima gara di MotoGp a Valencia, nel paddock, Valentino Rossi ha dato un calcio ad una fan che gli intralciava la strada. La donna ha subito confessato di volerlo denunciare, ma non lo potrà fare

MotoGp, dopo il calcio di Rossi, la donna vuole denunciarlo. Ma ecco perché non può

Il video di Valentino Rossi che tira un calcio al una signora che si trova nel paddock prima dell'ultima gara di Valencia ha fatto parecchio discutere nelle ultime ore.

Dopo le scuse di Valentino Rossi e la presunta denuncia della donna, Ana Cabanillas, che ha ricevuto il calcio, su La Gazzetta dello Sport viene rivelato un particolare inedito che cambia tutto. Ana, ieri, intervistata da Radio Cope aveva confessato, infatti, di aver un livido sulla gamba e di essere intenzionata a sporgere denuncia contro il "dottore" perché il suo gesto è stato fatto con cattiveria: "Era intenzionale, ha fatto a me quello che ha fatto a Marquez".

Le dichiarazioni della Cabanillas avevano fatto tremare Rossi e tutti i suoi fan, ma ecco che proprio oggi arriva il colpo di scena. Come scrive Giovanni Zamagni ne La Gazzetta dello Sport in edicola oggi, Valentino Rossi non rischia nulla. "Sul pass - si legge - che permette di accedere nel paddock, c’è chiaramente scritto che chi entra lo fa a suo rischio e non può rivalersi su altri per eventuali incidenti. Inoltre, dentro al paddock non si possono girare video. Quanto postato su Facebook, quindi, non può essere usato come prova".

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento