«Noi arbitri già bravi. Con l'occhio di falco di più»

Ex arbitro e, quel che più conta, designatore. In pratica il capo. Domenico Messina è schivo, crede nel low profile, però stavolta parla perché siamo alla vigilia della prima serie A con l'occhio di falco, addio gol fantasma, roba grossa.

Vale la pena spendere 2,2 milioni l'anno con la società inglese Occhio di falco, per evitare 2-3 "gol non gol" a stagione?

«Sì, perché sulla rete possiamo avere certezze. Sino a maggio, ogni volta che partiva un tiro, anche da fuori area, o un cross, tutta l'attenzione dell'arbitro di porta e magari del collaboratore era sulla linea, per evitare un errore pesante e clamoroso. Su un rigore o un fuorigioco si può discutere, ma non se un pallone è dentro o fuori, lì adesso si oggettivizza».

Ma perché Figc e Lega mantengono i due arbitri di porta?

«Perché sono molto utili, si concentrano sulle altre situazioni chiave, in area».

La sestina arbitrale alimenta l'ironia della vox populi e di molti commentatori: «Fanno più danni, aumentano il caos in campo».

«L'80% delle decisioni dell'arbitro sono collettive. Non pubblicizziamo le dinamiche eppure c'è un continuo dialogo con l'interfono. E i confronti coinvolgono anche il quarto uomo, se qualcosa avviene nella sua zona».

Quali le difficoltà principali?

«Le solite: contatti da decrittare in tempo reale, fuorigioco, ma per quelli abbiamo guardalinee che sono veramente macchine. La speranza è di ridurre la percentuale di errore. La scorsa stagione è stata buona, sbagliamo poco, al di là della percezione, fuorviata dall'enfatizzazione di alcune topiche».

Il messaggio per le squadre?

«In tante si sono rafforzate, in 7 sono da scudetto…».

Insomma, non sparate sul pianista. Pardon, giù le mani dai fischietti. Ma la sua rosa è veramente la migliore al mondo?

«Rizzoli è primo nelle classifiche mondiali. Dovrebbe fermarsi al termine fra due stagioni, perché nell'ottobre 2017 compirà i fatidici 46 anni, però speriamo di averlo anche nella successiva: è un serio candidato a Euro 2016, del resto in questo decennio ha primeggiato in ogni grande manifestazione. Deciderà il designatore Collina».

Valeri per il patron dell'Udinese Pozzo è un incapace, Rocchi ha sbagliato partite importanti; Tagliavento non vide il gol-non-gol di Muntari...

«Complessivamente però sono tutti molto quotati, nelle coppe e nelle gare internazionali. Sono ad altissimo livello. E gli arbitri vanno in campo per aiutare i giocatori».

Vanno sempre in capo al mondo?

«Sì e decine di volte l'anno: in Qatar, Romania, Armenia. Ci richiedono dalla Libia e da molti posti».

In generale che momento attraversa il suo mondo?

«C'è sempre stato ricambio generazionale. Dopo Agnolin e Casarin si temeva il buio, invece uscì Collina. Poi Rosetti, adesso Rizzoli»".

Ma la base?

«I corsi sono sempre molto frequentati e siamo strutturati come nessuno».

Esistono Paesi in cui gli arbitri fanno conferenze stampa?

«In Germania qualcosa, non conosco però i dettagli e comunque la cultura in altri Paesi è diversa. Peraltro l'apertura dialettica dipende dalla federcalcio».

In che misura entra in gioco la coscienza nell'arbitraggio?.

«Quando si vuole fare le cose per bene. Ha la coscienza a posto chi in campo fa quanto serve».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti