Il padre di Belardinelli: "Mio figlio casinista, ma non violento"

A 24 ore da Inter-Napoli parla il padre di Daniele Belardinelli, tifoso ucciso dopo gli scontri: "Mio figlio ​casinista, ma non violento"

Il padre di Belardinelli: "Mio figlio casinista, ma non violento"

A 24 ore ore dal match tra Inter e Napoli parla Vincenzo Belardinelli, padre del tifoso nerazzurro morto dopo essere stato investito da un Suv prima della gara. Al TG1 Rai ha detto: "Si attendono i risultati dell'autopsia per capire come è successo. Si dice che lui scappava e la vettura gli è andata dietro e lo ha investito". Prosegue dichiarando: "Magari è stato un incidente. Io non dico che ce l'aveva con lui. Certo uno va a vedere una partita in santa pace e sa che va ma non sa se torna". E alla domanda sulla possibile presenza nella mischia degli ultras varesini armati di spranga risponde: "Forse era in mezzo alla mischia, ma non penso che fosse con la spranga". Infine Vincenzo conclude riconoscendo la vivacità del figlio, di cui ha un ricordo comunque positivo: "Che aveva avuto il Daspo lo sapete tutti. Era un casinista, un tifoso, ma non violento. Da padre posso dire che era un bravo ragazzo. Secondo me si è sempre comportato bene. Forse era un po' violento quando andava in questi posti. Ma il ricordo di mio figlio è bello".

Commenti