La profezia definitiva di Capello "Scudetto al Milan? Come finirà..."

Fabio Capello vede la squadra di Pioli possibile vincitrice dello scudetto: "Fidatevi di me, il Milan sta lassù perché se lo merita. E può restarci fino alla fine"

Il Milan di Stefano Pioli è la miglior squadra post lockdown: da giugno a oggi i rossoneri hanno perso una sola partita, in Europa League contro i francesi del Lille, e stanno dominando in campionato con 7 vittorie e 2 pareggi nelle prime nove giornate che hanno messo il Diavolo in cima alla classifica. Chi conosce bene l'ambiente rossonero è sicuramente Fabio Capello che ha avuto la fortuna di vestire la maglia del Milan da calciatore e che ha anche allenato con proficui risultati il club di via Aldo Rossi.

L'attuale opinionista di Sky è sicuro che la squadra di Stefano Pioli sia da scudetto e ai microfoni del Corriere della Sera ha dato la sua opinione sulla possilità del Diavolo di vincere il tricolore a distanza di dieci anni dall'ultima volta: "Il Milan è da scudetto e non deve sognare, ma pensare in grande. Perché la differenza è sostanziale: sognare in grande possono farlo tutti, pensare in grande no. E il Milan ora può farlo. Anzi, deve".

Le sicurezze di Don Fabio

Capello è rimasto impressionato dal Milan di Pioli che in queste prime nove giornate ha vinto due scontri diretti contro Napoli ed Inter, pareggiando contro la Roma nella pazza partita di San Siro. "La vittoria di Napoli è stata una prova di forza impressionante. Ma mi ha colpito enormemente anche il successo sulla Fiorentina, per la facilità, la risolutezza. Il Milan lì si è imposto da grande, senza soffrire, gestendo, come le grandi squadre. Senza ansia. E soprattutto, senza Ibra".

Zlatan Ibrahimovic è il valore aggiunto di questo Milan con Capello che ha incensato il fuoriclasse svedese voluto fortemente dall'ex Real Madrid e Roma quando allenava la Juventus nel 2004: "Ora Ibrahimovic è molto più maturo, è diventato un leader vero. Non si limita più a portare i suoi gol, la sua differenza. Ora è un leader adulto. La squadra ha recepito la sua voglia di vincere, la sua mentalità. Basta guardare il linguaggio del corpo. Però devo dire che la squadra con o senza Ibrahimovic in campo sanno cosa fare e lo fanno, sono compatti, sono squadra. E sono stati bravi ad approfittare anche degli stadi vuoti".

Capello ha infine fatto il punto della situazione sulle big del campionato che in questo momento accusano tutti tra i 5 punti (l'Inter di Conte), 6 punti di distacco per Roma, Napoli e Juventus: "Per la lotta scudetto a dire il vero Inter e Juve hanno un bagaglio tecnico e di scelte che chiaramente le riporterà a essere protagoniste, hanno rose grandi e ricche. La Lazio è un enigma, l' Atalanta dipende da come prosegue la Champions, il Napoli è strutturato. Ma il Milan, fidatevi di me, sta lassù perché se lo merita. E può restarci fino alla fine".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di guga

guga

Gio, 03/12/2020 - 10:55

Capello, buono per tutte le stagioni. ricordo la stroncatura di Lukaku quando arrivo' in Italia. Ora lo incensa ( giustamente). Con un sacco di opinioni, poi ne azzecca qualcuna. Ritirarsi no??

ilsegretario

Gio, 03/12/2020 - 15:19

Si, dai. Hai ragione guga. Facciamolo tacere Capello, cosa vuoi che capisca di calcio uno così. Molto più interessanti le opinioni di noi espertoni della domenica, gente che non ha mai giocato una partita nemmeno a subbuteo.....