Sarri si libera dal Chelsea: la Juve lo aspetta

Il tecnico italiano ha manifestato ai Blues l'intenzione di lasciare Londra: i bianconeri hanno ripreso i contatti con il suo entourage

Maurizio Sarri può esultare, almeno per il momento: nella riunione tenutasi nella giornata di ieri Fali Ramadani - agente del tecnico italiano - ha incontrato la dirigenza del Chelsea, che non avrebbe opposto resistenza all'intenzione da parte del mister di lasciare i Blues. Il vertice tra le parti è avvenuto a Londra e avrebbe avuto dunque un esito piuttosto positivo: l'addio del Comandante dovrà essere solamente formalizzato e poi si procederà a limare tutti i dettagli e gli accordi del caso.

No all'indennizzo

Abramovic era stato già avvertito da Marina Granovskaia circa l'intenzione di Sarri: la qualificazione in Champions League e la vittoria dell'Europa League però non hanno fatto vacillare il club inglese, che da diverso tempo avrebbe tra le mani Frank Lampard come probabile prossimo tecnico.

Nessun indennizzo: è questa la volontà da parte di entrambe le società; se ci sarà si tratterà di una tipologia cifrata, segreta. I rapporti tra le due dirigenze sono piuttosto eccellenti, perciò il fatto che la Juve sia interessata ad un giocatore del Chelsea non è da considerarsi come ricatto: la Vecchia Signora ha messo nel mirino Emerson Palmieri, ricercato con insistenza già ai tempi della Roma. C'è infine da risolvere il nodo Higuain: chi dovrà provvedere a pagare le ultime mensilità? Le parti convergeranno sicuramente in una soluzione, indipendentemente da quale sarà il futuro di Maurizio Sarri.

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Klotz1960

Sab, 01/06/2019 - 20:00

" i rapporti sono piuttosto eccellenti".... errore da scuola elementare