Udinese: Strama vuole Amauri, offertoal Parma il polacco Zielinki

Gli ultimi giorni di mercato si preannunciano caldissimi per Parma ed Udinese, impegnate in una serrata trattativa che coinvolge due giocatori delle formazioni.

Per Amauri a Parma 79 presenze e 26 reti

L'Udinese è tra i club che da tempo ha chiesto informazioni su Amauri, attaccante brasiliano per cui l'Italia è ormai una seconda casa, avendo anche giocato con la nostra Nazionale dopo essere stato naturalizzato, e pare essere passata avanti alla concorrenza, costituita dal Torino, dal Palermo (squadra con cui il giocatore è esploso in Serie A) e il Sassuolo di Di Francesco.

Il giocatore rimarrebbe volentieri a Parma, ma la società ducale avrebbe ricevuto delle offerte che non è possibile non valutare. Tra queste quella dei Friulani sarebbe al momento la più allettante per le casse societarie, ma la società di Ghirardi non è ancora del tutto convinta, conscia che se dal punto di vista economico l'affare sarebbe ottimo, da un punto di vista tecnico si perderebbe un giocatore di ottimo livello, con poco tempo a disposizione per rimpiazzarlo.

Tuttavia l'Udinese vuole fortemente il giocatore, indicato dal nuovo tecnico Stramaccioni come la pedina mancante per rendere la squadra competitiva e poter quindi ambire ad un campionato dove la salvezza sia si l'obiettivo principale, ma dove si possa anche cercare di ottenere qualcosa di più. Il giovane tecnico è, infatti, convinto che un duo composto dall'eterno Di Natale e dall'altrettanto esperto italo-brasiliano porterebbe in dote molti punti in campionato. L'Udinese quindi è decisa a provare un ultimo affondo e potrebbe proporre al Parma di inserire nell'operazione la cessione del talentino polacco Zielinski, trequartista classe 1994 che non rientra nei piani tecnico-tattici di Andrea Stramaccioni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.