Politica

Il terrorista Br e il fratello «martire»

Il terrorista Br e il fratello «martire»

«Intitolate una via a mio papà». Lui, Roberto Peci, se non fosse stato per il fratello brigatista, non l’avrebbe conosciuto nessuno ma forse oggi sarebbe ancora vivo. È rimasto un operaio ai margini degli anni di piombo, ma contro di lui si scatenarono i terroristi quando il fratello Patrizio (nella foto), decise di collaborare con lo Stato. Così rapirono e uccisero Roberto Peci, in nome del quale la figlia Roberta, 28 anni, laureanda in antropologia che mai conobbe papà, chiede ora una strada alla presentazione del documentario «L’infame e suo fratello» dedicato ai due. Intanto lo zio, che non l’ha mai voluta conoscere, vive in una città del nord sotto un’altra identità.

Commenti