Vecchie auto, ecco il bonus per convertirle in elettriche

Sostituire il vecchio motore inquinante con quello ad emissioni zero: ecco il bonus per le auto vecchie o d'epoca che fa risparmiare fino al 60% della spesa entro il 2021

Vecchie auto, ecco il bonus per convertirle in elettriche

Nuovi ed importanti incentivi per chi è affezionato alla propria, vecchia auto e vuole cambiarle il look convertendola all'elettrico: non è necessario rottamarla o comprarne una nuova ma si può continuare a farla vivere con un nuovo e più ecologico motore.

Ecco il bonus

È quanto previsto dal Dl infrastrutture con il bonus sull'elettrico che vale fino al 60% della spesa per un totale di 3.500 euro e sarà riconosciuto nelle officine convenzionate entro il 2021. Discorso simile anche per furgoni e bus di 3,5 e 5 tonnellate, i quali potranno sfruttare l'incentivo sulle spese di immatricolazione dopo che saranno omologati (anche in questo caso rimborso fino al 60%) . Da brutto anatroccolo (inquinamento) a principe (motore con zero emissioni), e la trasformazione della propria auto per incentivare la transizione energetica diventa realtà.

Cosa viene sostituito

Il meccanico interverrà nel sostituire, totalmente, il vecchio motore a benzina (o diesel) eliminando i tubi di scappamento, il radiatore e l'impianto di raffreddamento che non serve più. Al loro posto, ecco che prenderà vita l'installazione dell'elettronica di gestione e il pacco batteria che soppianta il vecchio serbatoio del carburante. Come si legge su Repubblica, il nuovo "kit" di cui sarà dotato l'auto comprenderà, nello specifico, un motopropulsore (macchina elettrica e convertitore di potenza); le batterie necesserarie ad alimenterlo che abbiano un "sistema di gestione elettrica e termica degli accumulatori e di sistema di sezionamento e protezione"; l'interfaccia con la rete elettrica che consenta la piena e completa ricarica del veicolo ed eventuali altri marchingegni necessari per farlo funzionare. È così che potranno continuare a "vivere" anche le auto d'epoca senza pericoli di multe o stop dovuti alle sostanze inquinanti immesse nell'aria.

Incentivi sull'immatricolazione

Il Dl Infrastrutture prevede anche un contributo per la nuova immatricolazione, necessaria dal momento che è come se si avesse un'auto diversa. Anche in questo caso, si potrà risparmiare ed essere rimborsati del 60% come parziale copertura delle spese sostenute sull'imposta di bollo e l'imposta provinciale di trascrizione.

Da chi cambiare il motore

Come accennato all'inizio del pezzo, per poter sostituire il motore a carburante con quello ecologico non si potrà andare ovunque ma soltanto in quelle officine specializzate in questo tipo di interventi e dotate del kit necessario che abbiamo affrontato nei punti salienti. E poi, le officine preposte dovranno avere i requisiti previsti dal Dl 219/2015 che regolamenta il settore. Mediamente, i costi di conversione del motore variano tra 5 e7mila euro ai quali vanno aggiunte le batterie che variano in base all'autonomia. Per adesso, i fondi stanziati per lanciare il settore dell'EV in Italia è pari a 12 milioni di euro.

Commenti