Tutte le bugie di Izzo: ha ucciso solo per sesso

Il mostro del Circeo premeditò l’omicidio della moglie e della figlia del suo amico

da Campobasso

Una cosa è certa, a un mese dal massacro di Ferrazzano: Angelo Izzo, trent’anni dopo è tornato a uccidere spinto solo dalla sua pazzia. E dalle sue turbe sessuali. Almeno così ritengono gli investigatori molisani che accusano Izzo di omicidio e violenza sessuale. Secondo quanto ha spiegato il capo della mobile di Campobasso, Izzo durante l'interrogatorio delle settimane scorse avrebbe mentito circa i suoi rapporti con le due donne. «Nessun elemento - ha spiegato Domenico Farinacci - fa ritenere che ci fosse un rapporto sentimentale tra lui e Maria Carmela Linciano e tantomeno con la figlia della donna, la giovane Valentina. Ma fu un delitto premeditato». Tutto cominciò nel dicembre scorso: da 4 mesi la polizia indagava su Izzo, Luca Palaia e Guido Palladino. «Una fonte interna al carcere ci diede notizie su presunte attività illecite da parte di Palaia e di sue frequentazioni continue con Izzo. Sempre in carcere Izzo aveva mostrato un forte rancore nei confronti del presidente del tribunale di sorveglianza Antonio Mastropaolo. Per questo partirono le indagini. A commettere un errore furono Palaia e Palladino. Da alcune conversazioni la polizia intuì che i due si erano recati in Puglia per affari illeciti. Al rientro a Campobasso, l’auto di Palladino venne fermata e qui fu trovata una pistola.

Commenti

Grazie per il tuo commento