Valentino vola sull'acqua E' in pole al Sachsenring

Rossi su una pista allagata regola il compagno Lorenzo (640 millesimi il distacco) grazie a un ultimo giro di qualifiche prodigioso. Terzo Stoner, più indietro Pedrosa. Prove con molte cadute

Valentino vola sull'acqua 
E' in pole al Sachsenring

Sachsenring - Più che MotGp sembrano motoscafi. E anche in questo particolarissimo tipo di sport, le prove ufficiali sul circuito tedesco si disputano su una pista allagata, Valentino Rossi è meglio di tutti. Ultimo giro da brividi, dopo almeno cinque cadute terribili dei colleghi, e il Dottore lascia il compagno di team Jorge Lorenzo a 640 millesimi. E' pole position, la 54esima della carriera del pesarese, su un circuito dove partire davanti è fondamentale. Troppo stretto e tortuoso per riuscire in molti sorpassi successivi senza perdere terreno dai primi. E se poi domani, come vaticinano i meteorologi, dovesse davvero esserci bel tempo, per Rossi sarebbe davvero un bel vantaggio. Dietro a Lorenzo sulla griglia Casey Stoner, fermo negli ultimi minuti per evitare rischi in previsione della gara ("Ma Valentino e Lorenzo sembrano imbattibili" accusa l'australiano).

"Speriamo nel sole" "È stata dura - dice Valentino Rossi dopo il turno di prove ufficiali del Gp di Germania - la pista era allagata, in alcuni punti bisognava letteralmente attraversarla come se ci fosse un fiume. Ho spinto perché sapevo che qui partire davanti è molto importante. Spero che domani ci sia il sole, come del resto lo sperano tutti". Soddisfazione anche per Jorge Lorenzo, il compagno di Valentino Rossi corre con i postumi della caduta del Gp degli Stati Uniti. "Il secondo posto per me va bene - ha detto lo spagnolo dopo le qualifiche - ho spinto, ma non al 100% sapevo che in queste condizioni avrei rischiato e dopo Laguna Seca non era il caso".

La griglia E al quarto posto un gradito ritorno ad alti livelli per Nicky Hayden sulla seconda Ducati. Attardato Dani Pedrosa (ammaccato e poco amante del bagnato) in ottava posizione. Completano la seconda fila il sanmarinese Alex De Angelis (Honda) e il francese Randy De Puniet. Loris Capirossi (Suzuki) è nono, Melandri (Kawasaki) è 13esimo mentre Canepa (Ducati) finisce 15esimo. Tante le cadute alla curva Omega causate dalla pioggia: ad aprire le danze è stato De Puniet, poi è stato il turno di Canepa, Melandri, Elias, De Angelis. Paura per la scivolata di Hayden, che nella caduta ha coinvolto l’incolpevole Canepa (per la seconda volta nella giornata). Ultimo a capitolare in quel punto è stato Capirossi, quasi al termine del tempo a disposizione per le prove.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti