La vendetta di Horsey al ko di Capello

L’Inghilterra del pallone si è rifatta della Germania con la… pallina di David Horsey che a Monaco ha vinto il Bmw International Open e i suoi 333.000 euro di prima moneta, portando a casa la sua prima vittoria sul Tour maggiore. Horsey, 25 anni, vincitore del Challenge Tour nel 2008 e secondo quest’anno al nostro Bmw Italian Open ha rimontato i 5 colpi di svantaggio che aveva al termine delle prime 54 buche per andare al successo con giro finale - senza bogey - in 67 colpi precedendo di un colpo il connazionale Ross Fisher che con un eagle finale ha bruciato sul filo di lana ogni altro pretendente alla piazza d'onore (222.000 euro).
Il torneo sembrava in mano a Bradley Dredge andato al comando sin dal primo giro ma l'ex campione del mondo dopo un buon inizio si è perso nel finale, chiudendo in 74, e doversi accontentare del terzo posto con lo spagnolo Cabrera Bello, il suo connazionale Larrazabal, Kennie Ferrie ed il tedesco Alex Ceika. Sia Dredge che Larrazabal, al comando dopo 15 buche, sono incappati in un doppio bogey alla 16 per perdere ogni speranza di un eventuale spareggio, così come Ceika, dopo che Horsey chiudeva in birdie due delle ultime tre buche.
Al torneo ha preso parte anche il nostro giovane Manassero che pur passando onorevolmente il «taglio» non è andato oltre la 55° posizione. Matteo, attualmente 142° nella money list, ha a disposizione ancora quattro inviti per cercare di fare abbastanza moneta e rientrare tra i primi 115 a fine stagione e guadagnarsi automaticamente il diritto di giocare a tempo pieno sul Tour l’anno prossimo. Manassero questa settimana giocherà a Parigi l'Open de France con i fratelli Molinari (diretta su Sky Sport 3 da giovedì alle 15.30).
Negli Stati Uniti il «bombardiere» Bubba Watson ha vinto a Cromwell, nel Connecticut, il Travelers Championship battendo in playoff Scott Verplank e Corey Pavin, il capitano americano della prossima Ryder Cup. Bubba ci teneva proprio a fare bella figura davanti al capitano in considerazione di una eventuale convocazione in squadra. Ed il mancino della florida è riuscito bravamente a rimontare i sei colpi di svantaggio che aveva sul leader - l’inglese Justin Rose - per chiudere in 66 colpi ed andare allo spareggio dove Pavin usciva alla prima buca e Verplank, complice un bogey, alla seconda. Dopo il putt della vittoria Bubba, al suo primo successo pieno, è scoppiato in lacrime ed ha poi ammesso di essere molto emotivo di natura e che anche al suo matrimonio non riusciva - tra i singhiozzi - a dire il fatidico sì. Comunque tra una lacrima e l'altra il simpatico Bubba con il Travellers si è portato a casa oltre un milione di dollari.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti