Nigeriano condannato a 2 anni di reclusione: violentò una bambina nel suo negozio
Pusher nigeriano torna libero dopo il giudizio e riprende a spacciare droga: arriva nuovo processo
Si abbassa i pantaloni e si mette a defecare al parco: fermato sudanese a Torino
Gli rifiuta elemosina: 63enne aggredito da magrebino e salvato da agente fuori servizio
Tenta di uccidere la moglie, agrigentino in manette
Al bar o tra i negozi invece di lavorare, furbetti del cartellino a San Vitaliano

Solo una forma su un milione: ritrovato miracolosamente il Parmigiano del secolo scorso

Lo sapevate che fino a pochi decenni fa il Parmigiano dei nostri nonni era completamente diverso e molto più buono da quello che conosciamo oggi? A renderlo così speciale era un ingrediente pregiato: il latte delle Vacche Rosse

Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Ven, 13/09/2013 - 20:45

Vedere questo filmato mi sembra di essere dal mio rifornitore in Basilicagoiano in quel di Parma.

WoodstockSon

Sab, 14/09/2013 - 16:41

Pure le Vacche Rosse comuniste, ma forse loro ci credevano davvero,e per quello era tutto più genuino. Anche se allora la Rivoluzione d'Ottobre era di là da venire, forse se la sentivano già nel sangue, anzi, nelle mammelle.

Ritratto di Manieri

Manieri

Sab, 14/09/2013 - 19:32

Il Parmigiano era più buono perché le vacche mangiavano l'erba medica e i terreni non erano un ammasso di sostanze chimiche come oggi. Quante balle che ci raccontano.

MenteLibera65

Dom, 15/09/2013 - 18:01

Ma non è vietato fare pubblicità in modo occulto? Qui si passa una pubblicità per articolo di giornale! Garante...che fai..?

gneo58

Lun, 16/09/2013 - 10:48

a parte il commento (veritiero) di manieri aggiungiamoci pure che c'era piu' fame...

pagano2010

Lun, 16/09/2013 - 12:51

scusate ma il vacche rosse lo trovate ancora, basta cercarlo dai piccoli produttori sulle colline tra reggio e parma: se lo volete nel negozio sotto casa la vedo dura visto il prezzo che vi farebbero pagare

Raoul Pontalti

Lun, 16/09/2013 - 15:53

Mah...vacche rosse comuniste (e la rossa svedese è socialdemocratica?), erba medica che oggi le vacche non mangerebbero più (forse mangiano hamburger e patatine fritte), la fame che un tempo faceva mangiare anche suole di scarpe (se almeno in cuoio...). Dotti commenti. A nessuno che sia venuto in mente che il parmigiano reggiano è prodotto secondo rigida normativa (persino un regolamento UE espressamente ed esclusivamente dedicato a quel formaggio!) e in particolare l'art. 4 del Regolamento di alimentazione delle bovine adottato dal Consorzio per la produzione del parmigiano reggiano stabilisce testualmente che "Possono essere somministrati alle vacche da latte: i foraggi freschi ottenuti da prati naturali, da prati stabili polifiti e da prati di erba medica e di erba di trifoglio; (omissis)" mentre all'articolo 5 vengono vietati gli insilati di qualsiasi tipo (i quali per contro costituiscono la gran parte dell'alimentazione delle bovine destinate a produrre latte per altri usi). Ma il formaggio prodotto con il latte delle bovine di cui all'articolo e al filmato è effettivamente diverso e migliore per ragioni genetiche insite nella razza bovina in questione che fanno sì che la composizione delle frazioni proteica e lipidica (e soprattutto la struttura di quest'ultima) siano le più adatte per ottenere un ottimo parmigiano reggiano.

Calendario eventi