Politica
Lupi (Noi con l’Italia): “Governo Draghi è la sfida della concretezza. Non possiamo perdere”
Politica
Lamorgese: "Sbarchi in aumento per colpa della pandemia"
Sit-in del mondo del gioco legale a Montecitorio contro le chiusure. Le immagini
Politica
Fratoianni (Sinistra italiana): "Se si chiudono le scuole si deve chiudere tutto"
Gelmini: "Abbiamo fatto di tutto per tenere le scuole aperte dove possibile"
Vaccini, Salvini: "Non aspetto tre mesi Bruxelles, mi muovo prima"

Arrestato Peter Chérif la mente dell’attacco a Charlie Hebdo

Arrestato a Gibuti il jihadista francese Peter Chérif, sospettato di essere la mente dell'attacco a Charlie Hebdo a Parigi nel gennaio 2015. L'uomo, 36 anni, conosciuto con il nome di Abou Hamza è uno dei terroristi più ricercati al mondo. Era amico dei fratelli Kouachi, autori della strage nella redazione in cui morirono 12 persone ed era già noto ai servizi segreti di Parigi per aver combattuto in Iraq nei primi anni 2000. Già condannato nel luglio 2006 a quindici anni di carcere per “aver attraversato il confine illegale” in Iraq, nel 2011 era scappato dal carcere a nord di Mosul, dove stava scontando la pena.