Da 4 anni senza permesso di soggiorno per lui niente espulsione, solo la multa

Passerà alla giurisprudenza per essere stata la prima condanna dall’entrata in vigore della legge che introduce il reato di clandestinità. Il problema è che il giudice di pace di Firenze, chiamato a esprimersi sul caso di un cittadino giordano irregolare, ha optato per la sola multa di 5mila euro anziché ordinarne l’espulsione dal territorio italiano. L’immigrato era stato fermato a Ferragosto per aver rubato una bicicletta, reato per cui il giordano aveva patteggiato una pena a tre mesi di carcere. Il giorno dell’udienza per il reato di clandestinità, s’è presentato in tribunale scortato dagli agenti di polizia penitenziaria e con l’avvocato d’ufficio: al giudice di pace ha raccontato di essere nel nostro Paese da 4 anni e di lavorare nel negozio di pellami di un cugino. Così ha ottenuto di pagare la sola ammenda. Quello stesso giorno si doveva decidere anche sulla posizione di un’altra quarantina di immigrati irregolari, ma lo stesso giudice ha applicato la sospensione feriale dei termini processuali rinviando tutti i procedimenti a una nuova udienza il prossimo 25 settembre. E buone vacanze a tutti...