All'Argentina di Maradona basta un tempo Messico, rabbia su Rosetti: 1-0 irregolare

La Seleccion non brilla, ma con tre reti, due nella prima frazione, regola i messicani. Doppietta di Tevez, a segno anche Higuain. Ma il primo gol è in fuorigioco abbondante. L'arbitro italiano e il gurdalinee Ayroldi non se ne accorgono. Per i verdi di Aguirre segna Hernandez

All'Argentina di Maradona basta un tempo 
Messico, rabbia su Rosetti: 1-0 irregolare

Johannesburg - Avanti senza entusiasmare. Con un guizzo di Messi (e colpo di testa in fuorigioco di Tevez). Una genialata di Higuain. E una sventola di Tevez. Non impressiona il gioco dell'Argentina di Maradona. Ma, al lato pratico, conta nulla. Conta aver centrato i quarti di finale. Senza nemmeno andare troppo in appresione nonostante il grande sforzo del Messico nella ripresa. Quarti dove aspetta la Germania, dominatrice dell'Inghilterra. Sarà un'altra sfida splendida, come nel 2006, e varrà ancora il pass per la semifinale. Ma a el Diego, sempre prodigo di carezze e abbracci ai suoi, non basterà mettere dentro tutti i suoi fenomeni e lasciar fare a loro. Sì perché la Seleccion vista con i verdi messicani ha stentato a fare gioco (anche perché la Brujita Veron sta sotto la coperta in panchina). Certo poi è facile risolvere tutto con quei tre là davanti. Ma con i tedeschi Tevez, Messi e Higuain non troveranno gli stessi spazi. E alla difesa (da salvare solo Heinze) non basterà più aspettare che sbaglino gli altri. Sarà partita vera insomma.

Primo tempo albiceleste Aguirre carica a molla i suoi, che partono spaventando gli avversari. Il più temibile è Salcido che, all'8', da 40 metri stampa un destro sulla traversa con Romero troppo superficiale. Un minuto dopo il diagonale di Guardado dal limite esce di un soffio e il portiere argentino è ancora fuori posizione. Al 12' si sveglia Messi. Taglio diagonale splendido da destra a sinistra e pallonetto dal limite, ma Perez si salva in due tempi. Due minuti dopo risponde Hernandez. Suggerimento di Dos Santos, dribbling su Burdisso e destro che però finisce a lato. Al 26' il contestatissimo vantaggio argentino. Messi serve Tevez in verticale, Perez lo anticipa in scivolata, ma riconsegna sui piedi della Pulce. Scavetto dal limite che, ancora Tevez, in fuorigioco netto appoggia in rete sulla riga. Rosetti non vede, Ayroldi non segnala. E dopo due minuti di conciliabolo e di "assedio" dei messicani i due italiani convalidano. Passano 7' e arriva il raddoppio. Osorio sbaglia l'appoggio al limite, Higuain si avventa sul pallone vagante, entra in area, salta il portiere con un dribbling di suola e appoggia il 2-0. La reazione del Messico è in una sventola da lontanissimo di Salcido, Romero stavolta vola. Poi stupenda azione Di Maria-Higuain-Di Maria, con ultimo passaggio di tacco, ma Perez si salva con il piede. Al 42' Maxi Rodriguez centra da destra, Higuain salta alle spalle di Osorio, ma indirizza male. A recupero quasi scaduto Hernandez in spaccata manca l'appuntamento con il cross perfetto di Salcido.

Ripresa messicana Aguirre comanda la rimonta, ma al 7' ecco la doccia fredda. Tevez controlla al limite, si sposta il pallone sul destro e infila un siluro violentissimo all'incrocio: 3-0. Al quarto d'ora si svegliano i messicani. Barrera fa fuori Otamendi e Rodriguez (grande tunnel), ma in area spara sull'esterno della rete. Due minuti dopo il testardo Salcido da lontano: Romero sul primo palo mette in corner. Crossa Barrera e Hernandez, tutto solo, mette alto. Ma il Messico preme troppo. Al 25' Barrera in acrobazia, su traversone di Salcido, batte Romero, ma Heinze salva sulla linea. Un minuto dopo l'Argentina capitola. Torrado serve Hernandez al limite. El Chicharito (appena acquistato dal Manchester United) controlla e si gira con un solo tocco d'esterno sinistro e un solo movimento. Demichelis resta fermo a guardare. Come Romero sul sinistro potentissimo sotto l'incrocio. E' il gol del 3-1, della speranza dei messicani. Ma i centramericani sono stanchi. L'unica altra occasione è ancora su cross di Barrera. Sul secondo palo ancora Heinze anticipa sulla riga di porta Marquez. E al 47' si fa bussa ancora Messi con un sinistro a giro dal limite, ma Perez non ci sta. Finisce 3-1. Messico a casa arrabbiatissimo con Rosetti. Argentina verso la Germania.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti