Allarme Il neurologo: immagini choc per i bimbi

Attenzione alla «pornografia del terrore che rischia di turbare la mente, specie quella dei piccoli telespettatori», che vedono in Tv i servizi sul terremoto di Haiti. A criticare le immagini scioccanti che corredano in questi giorni i resoconti sul sisma è Rosario Sorrentino, neurologo e direttore dall’Ircap (Istituto di ricerca e cura sugli attacchi di panico) della clinica Pio XI di Roma. «Così non si fa informazione - accusa - ma una sorta di pornografia del terrore e dello stupore». «Le notizie gravi e terribili vanno date, ma in modo diverso - spiega il neurologo -. Perché può essere pericoloso sottovalutare l’effetto delle immagini di arti, corpi smembrati, volti di bambini feriti sugli stessi piccoli che le guardano, magari mentre sono a tavola con i genitori». La televisione ormai è diventata, secondo Sorrentino, «un acquario domestico in cui galleggiano scene raccapriccianti viste attraverso il vetro da spettatori molto diversi fra loro», alcuni incapaci di difendersi. «Si tratta di immagini potenti - prosegue Sorrentino - che si insinuano nelle nostre menti e turbano in particolare quelle dei bambini. Così si rischia di trasmettere ansia, agitazione, incertezza, paura ad affrontare un mondo in cui i piccoli possono essere fatti a pezzi».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.