Allianz a Piazza Affari sostituirà la Ras

Per ora non sono previste integrazioni con le controllate Agf e Lloyd Adriatico

Paolo Stefanato

da Milano

Michael Diekmann - numero uno di quella che, dopo la fusione Allianz-Ras, sarà, se non la prima, la più grande «società di diritto europeo» - ha illustrato ieri a Milano l’operazione che negli ultimi giorni ha dato una scossa negli ambienti finanziari europei. Con lui c’erano Paolo Vagnone, amministratore delegato della Ras, ed Enrico Tomaso Cucchiani, presidente e ad del Llyod Adriatico (100% Allianz) che sarà «promosso» membro del supervisory board a Monaco. Particolari elementi di novità non ci sono stati: anzi, l’incontro ha confermato lo stile «no comment» dei tedeschi.
Unica vera notizia: dopo il ritiro dal listino del titolo Ras, a Piazza Affari sarà quotata Allianz, che già si scambia a Francoforte e a New York. La decisione non potrà che incentivare lo scambio di azioni Ras in azioni Allianz, anche se Diekmann ha dichiarato di attendersi «più adesioni all’Opa», e cioè un proporzionalmente maggiore esborso di contanti (ricordiamo che il valore massimo dell’operazione è di 5,7 miliardi di euro). A questo proposito ha reso merito a Vagnone per aver sostenuto l’opportunità di un’offerta d’acquisto, quando Allianz, all’inizio, intendeva imboccare la strada della fusione con semplice carta-contro-carta.
Piazza Affari ha accolto l’annuncio dato nel week end con l’esito prevedibile: i titoli ordinario e di risparmio Ras si sono allineati ai valori finanziari dell’offerta (quest’ultima propone rispettivamente 19 e 26,5 euro), con «strappi» del 7,1% e del 19,6%. Anche Agf, controllata francese di Allianz, ne ha beneficiato a Parigi, con un guadagno dell’1,8%; unica in controtendenza è proprio la capogruppo, penalizzata dalla prospettiva di dover sborsare una cifra di grandi dimensioni: meno 3,3%.
A proposito dei «no comment»: nell’incontro di ieri non sono stati forniti dati economici delle sinergie che si creeranno (si è riparlato di «razionalizzazioni», «ottimizzazioni», ecc.); non è stato detto chiaramente se il marchio Ras sopravvivrà alla fusione oppure no («decideremo in seguito, è un marchio di grande valore, ma sarà oggetto di un processo razionale»); non è stato detto se ci saranno, o no, esuberi: Diekmann ha preferito astenersi da una risposta chiara su questo aspetto, gettando nell’inquietudine molti dipendenti. Ma se Ras manterrà le proprie attività in Italia tali e quali perché dovrebbe tagliare dei posti? Diekmann non ha voluto nemmeno rivelare da quanto tempo il progetto era allo studio, limitandosi a dichiarare che l’operazione Unicredit-Hvb non è stato un fattore estero di accelerazione. Il bancassurance con Unicredit non sembra a rischio: «Teniamo moltissimo al rapporto con Unicredit, le joint venture ci soddisfano e stiamo sviluppando piani anche nei danni» ha detto Vagnone.
Quanto ad Agf, è escluso che a breve diventi oggetto di un’operazione simile in Francia: «Lo faremo quando sarà ragionevole dal punto di vista economico». Per il Lloyd Adriatico, immaginare un’integrazione è «prematuro», ha detto Cucchiani, che «va comunque esclusa nell’arco di realizzazione di quella attuale». Poi diventerà fattibile. Già ora, una governance più semplice favorirà «la collaborazione tra Ras e Llyod», che avranno lo stesso azionista unico. Alla Ras resteranno le partecipazioni strategiche (Pirelli, Unicredit, Gim), mentre le controllate straniere (Spagna, Portogallo, Austria, Svizzera) andranno alla casa madre.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento