Anche la sorella di Musso attacca il «suo» governo Pdl

(...) contro le proposte Pdl e in due occasioni su 27 si trattava di voti-chiave.
Ma di Musso non ce n’è solo uno. E di lei in fondo, si può dire, che è tutta suo fratello. Lui (Enrico) docente universitario di Economia, lei (Vittoria detta Vichy) insegnante di lingue al liceo. Lui parlamentare della Repubblica, lei consigliera di municipio nel parlamentino di Genova Est. Insomma, anche se non proprio due gocce d'acqua, i teorici dell'ambientalismo direbbero che l'imprinting familiare è quello, i genetisti ricorrerebbero al dna mentre per il buon senso comune varrebbe il motto: buon sangue non mente. Perché dopo la defezione del senatore a Palazzo Madama, giovedì è toccato alla sorella, Vittoria Musso, segnare le distanze dal Pdl e dal presidente del municipio Aldo Siri (Lista Biasotti). «Non so se rinunciare a parlare o a essere consigliere di municipio, ma resterò, almeno a fare la pulce!», ha iniziato a leggere durante la riunione di giovedì sera la consigliera Musso poco prima che Siri esponesse la relazione sul suo operato nei primi due anni e mezzo di mandato. Un attacco, quello della Musso, diretto alla giunta di centrodestra colpevole di «considerare i consiglieri solo un fastidio». «La giunta deve smettere di avvilirci in questo modo e dire chiaramente se vuole sopprimerci» ha aggiunto la consigliera (uscita nel 2007 da Fi «perché ero stufa di farmi imporre le cose da votare») che giovedì non ha risparmiato elogi al fratello: «sono fiera di Enrico». Critiche che si aggiungono all'insofferenza di alcuni consiglieri di maggioranza tra i quali Maria Piacentino che di recente è uscita dal centrodestra per approdare all'Udc. Non si scompone Siri che durante il consiglio ha annunciato la visita del cardinale Angelo Bagnasco che venerdì 12 febbraio andrà a benedire il Municipio.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.