Annapolis, Bush e Olmert ottimisti

Parte il vertice delle buone intenzioni. Soddisfazione per la presenza della Siria: "Sarà possibile parlare anche del Golan". Duro il commento di Hamas: "Le decisioni adottate non avranno valore per i palestinesi"

Annapolis, Bush e Olmert ottimisti

Washington - «Inshallah, Inshallah» annuisce correndo il grande negoziatore palestinese Sa’eb Erakat quando lo placchiamo domenica notte: scende dall’ascensore dell’Hotel Mandarin, dove con l’ex premier palestinese Abu Ala ha incontrato in segreto il premier israeliano Ehud Olmert. «Inshallah, forse riusciremo a partorire un documento comune, a parlare di Gerusalemme, di confini, di profughi, di tempi», sussurra, poi sorride: «Ce la facciamo? Chissà... comunque lavoriamo per questo, sono ottimista...». «Macché, niente», sbotta dopo Ehud Yahari, noto commentatore di cose arabe d’Israele: «Di qua esce soltanto una confusione che farà scoppiare un’Intifada peggiore di quella precedente».

L’hotel Ritz è la dimora delle convulsioni palestinesi della vigilia: si consumano a voce bassa, senza intrusi e curiosi. Invece, in un confuso andito semicircolare, dove le belve scatenate della stampa israeliana sprofondate in poltrona assieme agli uomini dei servizi israeliani sgranocchiano noccioline, tutti urlano e saltano per acchiappare qualche delegato. Così il Mandarin, sede della delegazione israeliana. Questi i due poli della frenesia politica che ospita la Conferenza dell’aristocratica cittadina di Annapolis dove fu firmata la fine della rivoluzione americana, capitale del Maryland: solo ieri sembra essersi accorta di essere invasa da una quarantina di delegazioni, fra cui quelle di 16 Paesi arabi, tutte a rischio terrorismo, e da migliaia di giornalisti. Sono previsti i discorsi di Condoleezza Rice, di George W. Bush, di Olmert, di Abu Mazen, del Quartetto, dei Paesi arabi: tutto dovrà suggellare l’evento eccezionale che, per decisa volontà degli Usa, ospita Paesi che non riconoscono Israele ma sono qui a parlare di pace con esso. Ieri un gruppetto di giornalisti israeliani è persino riuscito a farsi invitare a prendere il caffè nell’ambasciata saudita. Saud al Faisal ha fatto arrabbiare il presidente iraniano Ahmadinejad al punto da ricevere una sua durissima telefonata: «Vergogna. Cancellate piuttosto quell’incontro inutile e dannoso», gli ha detto.

Il successo della Conferenza, che fino a quando l’Arabia Saudita e poi la Siria non hanno garantito la loro presenza pareva totalmente priva di significato, è tuttora da giudicare sul lungo raggio, ma sembra essere davvero vitale per l’amministrazione americana, che ha esercitato forti pressioni in moltissimi incontri, visto che è in gioco il prestigio dello stesso presidente. Ora che la questione irachena va meglio, Bush intende legare il suo lascito storico al Medio Oriente, alla sconfitta del Jihad, inclusa quella dell’Iran, e all’ennesimo tentativo di pace fra israeliani e palestinesi. Ieri, quando Bush ha incontrato prima Olmert e poi Abu Mazen, la parola d’ordine è stata «ottimismo». Di ottimismo Bush ha parlato sia con Olmert nella Sala Ovale, dove il premier israeliano era accompagnato dal ministro della Difesa Ehud Barak e da Tzipi Livni, sia con Abu Mazen, ricevuto da Bush dopo Olmert.

Bush ha subissato i suoi amici di sorrisi, incontri e cene perché da questa conferenza esca qualcosa di concreto, ovvero il famoso documento comune. Per convincerli a lavorare insieme, ha portato a cena i due contendenti domenica, e poi li ha rincontrati di nuovo ieri. Anche Bush ha fatto i suoi commenti alla cena offerta da Condi agli ospiti. I due si spalleggiano in un’autentica opera di pressing. Olmert, uscito dall’incontro, ha detto che prevede un anno di colloqui in cui si potrà parlare di tutto e si addiverrà a una conclusione definitiva, proprio come chiedono i palestinesi. Ha aggiunto che se Hamas accetta le condizioni del Quartetto ritornerà a essere parte del consenso che la unisce all’Autonomia, e quindi del prossimo Stato palestinese, che gli fa molto piacere che la Siria intervenga ad Annapolis, e che potrà parlare di quello che vuole, per esempio del Golan.

La Siria, che certo ha concordato con l’Iran una sua presenza di rango basso (solo il viceministro degli Esteri e i sauditi si sono arrabbiati), è forse l’unica che non si gioca niente e vince tutto. A sera, mentre usciva dal Ritz con Abu Mazen verso Bush, il vice capo della delegazione palestinese Nabil Abuznaid ci ha detto una grande verità sulla conferenza: palestinesi e israeliani, se vogliono portare a casa qualcosa, devono pagare con un compromesso. È vero, il documento comune ancora non c’è, ma ci sono molte ore per farcela. Se non ci si riuscirà, non sarà finita: loro hanno di che lavorare, devono smontare gli insediamenti, pensare a Gerusalemme... noi abbiamo soprattutto la questione dei profughi, dobbiamo trovare un compromesso sul numero, è chiaro. Ma occorre pazienza per arrivare a una soluzione».

Infine, non è detto che ci sarà un documento comune. Per Bush sembra si presenti all’orizzonte un successo anti-iraniano e sull’antiterrorismo in genere, almeno nel breve termine. Per Israele e i palestinesi il lavoro resterà tutto da fare.
Anche perché, a Gaza, Hamas ha organizzato una conferenza stampa con alcuni gruppi palestinesi per firmare un documento in cui si respinge ogni concessione che Israele dovesse fare per ottenere un accordo di pace.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti