Calciomercato, assalto a Eto'o e Lucio L'Inter deve difendersi dalle sirene inglesi

Il Manchester City di mancini pressa il camerunense: se va via arriva Tevez. Il difensore brasiliano si gioca la carta Chelsea per cercare di strappare un aumento. Gasperini "cede" Kharja ma chiede Palacio. Pandev non vuole Genova e complica la trattativa. Gli altri affari chiusi...

Calciomercato, assalto a Eto'o e Lucio 
L'Inter deve difendersi dalle sirene inglesi

Eppur si muove. Forse. Il mer­cato dell'Inter, frenato sinora dalla questione allenatore, comincia pian piano a scuotersi. Idee, incon­tri, spunti. E problemi. Soprattutto problemi, dato che dal fronte Lu­cio giungono notizie tutt'altro che rassicuranti. Lo avevamo scritto qualche giorno fa: il difensore bra­siliano vuole assolutamente un prolungamento del contratto sino al 2014, i nerazzurri si fermano un anno prima. La novità è che in mezzo c'è il Chelsea. I blues avreb­bero­presentato al giocatore un'of­ferta allettante, che lo stesso Lucio usa come clava in sede di negozia­zione con il suo club attuale. Si de­ciderà dopo la coppa America.

Troppi mal di pancia dalle parti di Appiano Gentile. Nelle ultime ore sta prendendo sempre più quota l'ipotesi Eto'o per il Manche­ster City, ormai tagliato fuori dalla corsa a Sanchez. Se il camerunen­se dovesse lasciare Milano, Morat­ti si butterebbe su Tevez, nono­stante le smentite di Branca. Tron­chetti Provera lo ha fatto intende­re. «Se partirà un campione, ne ar­riverà un altro».

Tutto tace, invece, intorno a We­sley Sneijder. Chelsea e Manche­ster United stanno monitorando con attenzione la situazione Pasto­re (ieri Zamparini ha confermato di aver ricevuto un'offerta da 50 mi­lioni di euro, probabilmente pro­prio dall'Inghilterra). La partenza dell'argentino del Palermo potreb­be così bloccare la cessione dell' olandese in Premier. Con Sneijder ancora in rosa, Gasperini sarebbe costretto a modificare i suoi sche­mi tradizionali e puntare sul tre­quartista orange.

Ieri intanto è arrivata la prima mossa griffata Gasp. No, non ha chiesto Messi a Moratti. Piuttosto il nuovo tecnico ha bloccato la ces­sione del difensore Luca Caldirola al Cesena, programmata all'inter­no dell'operazione Nagatomo. In realtà il giovane prodotto del viva­io nerazzurro passa sì per metà ai romagnoli, ma per precisa volon­tà di G­asp rimarrà la prossima sta­gione ad Appiano Gentile in presti­to.

L'allenatore invece non si è op­posto all'addio di un suo ex gioca­tore ai tempi del Genoa, Houssine Kharja. La conferma arriva dal pro­curatore del centrocampista fran­co­ marocchino, Beppe Galli. «L' Inter non ha fatto valere il diritto di riscatto. Così Kharja è ora un gioca­tore di Preziosi». Continuano i dialoghi proprio con il Genoa per Rodrigo Palacio. Nell'affare non entrerà però Go­ran Pandev. Il macedone non ne vuole sapere di trasferirsi in Ligu­ria. Così l'Inter sta studiando solu­zioni al­ternative che non compor­tino spese danarose. L'ultima idea è girare il portiere Viviano ai rosso­blù per accontentare Gasperini e regalargli l'argentino, uno dei suoi pallini storici. In alternativa l'ex nu­mero uno del Bologna potrebbe essere usato come pedina, insie­me a Santon, per arrivare a Mirko Vucinic della Roma. Siamo però nel campo delle ipotesi. Non sarà un giocatore dell'Inter Alexis Sanchez. Ieri Pozzo ha sciol­to i dubbi. «Stiamo trattando solo con il Barcellona per accontentare il cileno».

L'accordo sulla cifra c'è già: 40 milioni di euro, senza con­tropartite. I blaugrana però vorreb­bero raggiungerla tramite bonus vari, mentre l'Udinese la pretende subito. L'agente di Marek Hamsik, Ju­ray Venglos, esce allo scoperto. «L' intervista alla Pravda è autentica e il giocatore non ha detto nulla di sbagliato». Lo slovacco insomma vuole davvero il Milan. Ora spetta a De Laurentiis rassegnarsi o com­battere. Anche se ieri Galliani ha frenato: «Possibilità di averlo ugua­li a zero».

Chiudiamo con un po' di affari ormai ufficiali: Jimenez sceglie i soldi dell'Al Alhi e abbandona l'Ita­lia. Saluta Firenze Alessio Cerci, or­mai un giocatore del City (7 milio­ni nelle casse della Fiorentina). Il Bologna ha il suo nuovo portiere: è Gillet.

Commenti