Campidoglio, Sisal e «Save the children» insieme per difendere i diritti dei minori

Comune di Roma, Save the Children e Sisal insieme per promuovere e tutelare i diritti dei minori, con un occhio di riguardo al lavoro minorile, alla dispersione scolastica e alla prevenzione della devianza, della marginalità e dello sfruttamento. È stato siglato ieri in Campidoglio il protocollo d’intesa che vedrà l’istituzione cittadina al fianco della onlus per 36 mesi per sviluppare azioni di analisi e ricerca, formazione e informazione, intervento diretto per potenziare la protezione dei minori. A firmarlo, il sindaco Gianni Alemanno, l’assessore alle attività produttive Davide Bordoni, il direttore generale di «Save the children» Valerio Neri e l’amministratore delegato di Sisal Emilio Petrone. L’intesa diventerà subito operativa con il progetto «In-contro», un progetto di «Save the children» in collaborazione con l’assessorato alle attività produttive, sostenuto da Sisal che coinvolgerà per un anno il municipio XII attraverso il centro di formazione professionale Nathan: 355 i minori coinvolti nel piano, 55 i docenti. Il progetto prevede la realizzazione di una ricerca per monitorare la situazione del la dispersione scolastica nelle periferie romane e, a settembre, l’avvio di un centro diurno rivolto ai minori nel territorio municipale. I giovani saranno «intercettati» nelle scuole, ma anche «on the road», con equipe specializzate che cercheranno di avvicinare e avviare al progetto i minori a rischio di marginalità.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti