Cronaca locale

La famiglia sotto scacco dei ladri: "Svaligiati sei volte in sei anni"

Sei furti in solo sei anni. Una maledizione per la famiglia Martini, presa di mira dai ladri

La famiglia sotto scacco dei ladri: "Svaligiati sei volte in sei anni"

Una famiglia presa di mira dai ladri, tanto da subire ben sei furti in sei anni. Un triste record su cui la stessa vittima dei furti, vale a dire l'imprenditore Roberto Martini, ha imparato ormai a sorridere, malgrado l'amarezza.

Intervistato da il Corriere della Sera, Martini, residente con la famiglia a Viadana, in provincia di Mantova, racconta la propria storia. Sei furti in soli sei anni, e in abitazioni addirittura diverse. I ladri, infatti, sembrano aver preso di mira lui e i suoi congiunti, piuttosto che l'abitazione. "Dev'esserci una sorta di maledizione, perché i sei furti in sei anni sono avvenuti in due appartamenti diversi, dato che nel frattempo ho cambiato casa", spiega infatti il 51enne. "E nell'abitazione precedente, che è stata acquistata da un mio dipendente, hanno messo a segno un altro colpo", aggiunge.

L'ultimo furto ai danni di Martini è avvenuto lo scorso giovedì, intorno alle 19. Fortuna ha voluto che i ladri siano riusciti a impossessarsi solo di un paio di orecchini della moglie del valore di poche decine di euro. "Mi hanno ribaltato la casa, con gli armadi svuotati e vestiti dappertutto, senza trovare nulla. Un film già visto, perché questa gente colpisce in pochi minuti, ha fretta. C'erano il tablet e la televisione ma li hanno lasciati al loro posto", rifesce il 51enne. "Hanno rubato solo un paio di orecchini d'argento, di poco valore, di mia moglie", continua. I danni maggiori, spiega l'uomo, sono stati quelli riportati dalla finestra del bagno. I malviventi l'hanno infatti scassinata per poter accedere all'abitazione.

Cosa fare, dunque? L'imprenditore ha pensato alla possibilità di installare delle telecamere all'interno di casa, così da riprendere i criminali. Il problema, però, è che i ladri agiscono a volto nascosto, usando dei passamontagna o addirittura le mascherine anti-Covid. Bisogna poi considerare il fatto che alcuni malviventi sono ormai in possesso di dispositivi capaci di intercettare le forze dell'ordine, così da sapere quando scappare.

Martini ha installato anche l'antifurto ma il giorno dell'ultimo colpo aveva dimenticato di attivarlo. "Sono uscito di casa alle 18.30, giusto mezz' ora per andare dal barbiere. E lì i ladri hanno colpito, probabilmente mi stavano curando", racconta. "Peraltro ho visto un paio di persone sconosciute in un parchetto vicino a casa mia. Dato che, dopo sei furti subiti, uno diventa un po' più accorto, sono tornato sui miei passi, spostandomi davanti a casa, ma non ho notato nulla di strano", aggiunge.

Con sei colpi in sei anni i ladri hanno portato via molto alla famiglia. In un'occasione sono stati sottratti circa mille euro in contanti, un'altra volta sono spariti oro e gioielli. Non è mancato neppure il furto dell'intera cassaforte, con conseguenti danni provocati dallo smuramento.

Martini e i suoi familiari vivono ora nell'insicurezza. "Conosco, perché mi sono stati riportati, episodi di faccia a faccia con questi malintenzionati, che sono capaci di tutto. E mi auguro non succeda mai a me e soprattutto a membri della mia famiglia", afferma. "L'unica vera differenza è che in questi anni il sonno si è fatto più leggero. Nel 70% dei casi, infatti, i furti avvengono di notte e dal primo furto in avanti, ogni minimo rumore ci insospettisce e ci sveglia", conclude.

Commenti