Aggressione al personale di una cooperativa: ivoriano in manette

Un richiedente asilo di 26 anni, proveniente dalla Costa d'Avorio, aggredisce il personale di una cooperativa nella città di Pontedera. Solamente l'intervento della polizia e l'uso dello spray al peperoncino, evitano che l'aggressione sfoci in tragedia.

Aggressione al personale di una cooperativa: ivoriano in manette

Dopo l'aggressione di pochi giorni fa, ai danni di alcuni educatori di un centro di accoglienza, avvenuta ad Agrigento per mano di un richiedente asilo, va in scena un nuovo episodio di violenza, questa volta in Toscana, a Pontedera.

Protagonista un Ivoriano di 26 anni, richiedente asilo con precedenti, dichiarato socialmente pericoloso e sottoposto a libertà vigilata per un anno, dal febbraio scorso.

Il giovane, lunedì pomeriggio, avrebbe assalito gli operatori della cooperativa Arnera di via Brigate Partigiane a Pontedera, minacciandoli e sfasciando armadi, sedie e tutto il mobilio presente.

Gli operatori, spaventati, si sarebbero quindi barricati in un'altra stanza per evitare il linciaggio.

Soltanto il tempestivo intervento della polizia avrebbe scongiurato il protrarsi dell'aggressione. Gli agenti sono stati comunque costretti a ricorrere all'uso dello spray urticante per far desistere l'ivoriano dai suoi intenti criminosi, placandone, in questo modo, la furia.

Il ragazzo è stato poi trasferito nel reparto psichiatrico dell'ospedale cittadino.

L'operazione di polizia si è fortunatamente conclusa senza che gli agenti, il personale della cooperativa e l'aggressore stesso, subissero lesioni.