Allerta ragno violino, la testimonianza di una vittima del morso: "Pensavo fosse una zanzara"

Basta una puntura dell’animale per finire d’urgenza in ospedale

Allerta ragno violino, la testimonianza di una vittima del morso: "Pensavo fosse una zanzara"

"Non mi sono accorta di nulla, pensavo mi avesse punto una zanzara. E invece". E invece era un ragno violino, la specie aracnide scientificamente nota con il nome di Loxosceles rufescens. Che ha invaso, e gettato nella paura, alcune zone di Roma.

Una vera e propria psicosi, comunque motivata. Visto che l’animale ha fatto delle vittime. E una di queste racconta a Il Messaggero la disavventura. Basta una puntura di questa specie di ragno per finire d’urgenza in ospedale, ma i sintomi del morso vengono fuori solo dopo qualche giorno, manifestandosi in modo davvero invasivo e preoccupante: gonfiore e indolenzimento della parte colpita, ma anche debolezza fisica, annebbiamento della vista, fino a complicazioni per gli organi quali i reni, i polmoni e anche il cuore. La puntura, inoltre, manda in necrosi la carne colpita.

Psicosi ragno violino

Queste le parole della romana-preda: "Ho sentito due punture, una sotto il mento e una alla caviglia". E dopo qualche giorno: "Vedevo come una nebbia e avvertivo una forte debolezza. Una dottoressa, vedendomi in quelle condizioni si è spaventata anche perché il morso del ragno violino può portare lo streptococco".

Poi, fortunatamente, la cura: "Ho fatto dieci giorni di antibiotici, avevo forte mal di gola, sentivo un gran gonfiore dentro. Dopo la cura sono andata da un infettivologo perché avevo ancora dolore alla gola. Lo streptococco è ancora attivo".