Cronache

Andrea Sbraga elogia Mussolini e scoppia la bufera

Il difensore del Novara Calcio aveva postato su Instagram una storia in cui definiva il "duce" un "grande statista lungimirante". Il post è stato poi rimosso

Andrea Sbraga elogia Mussolini e scoppia la bufera

Andrea Sbraga, difensore 28enne del Novara Calcio, si trova al centro della cronaca. Non per le sue doti calcistiche, purtroppo, ma per un post messo su Instagram, rimosso poco dopo, in cui elogiava Benito Mussolini. Il calciatore ha pubblicato una storia nella quale parla del Duce in quanto Grande statista lungimirante”. Facendo riferimento all’infezione da coronavirus, che sta facendo paura a tutto il mondo, e che ha avuto inizio in Cina, Sbraga cita una frase presa da un discorso di Mussolini del 1927. Mussolini 93 anni anni fa diceva: "Nei prossimi decenni i cinesi invaderanno il mondo con prodotti a basso costo e le epidemie che coltivano al loro interno”.

La bufera sul post di Andrea Sbraga

Della vicenda si è parlato ieri durante il consiglio comunale della città veneta. Sara Paladini, consigliera comunale del Partito Democratico, venuta a conoscenza del post, ha chiesto ieri all’amministrazione di prendere una posizione, in quanto “questo calciatore indossa la maglia di una squadra che porta il nome della nostra città”. Andrea Sbraga gioca nel Novara Calcio, squadra che milita in Lega Pro, la vecchia Serie C, e il suo contratto è stato prolungato fino al 30 giugno del 2022. Romano, classe ‘92, ha iniziato nel 2012 con il Pisa, per poi passare a Salernitana, Carrarese, Padova, e arrivare in Serie C con il Siena.

Tre possibili contagi a Novara

Ieri a Novara sono emersi, al primo test, tre possibili contagi da coronavirus. Si attende ancora la conferma dall’Istituto Spallanzani di Roma. In via precauzionale, la famiglia novarese, residente a Borgo Ticino, è stata ricoverata nella serata di mercoledì 26 febbraio, all’ospedale Maggiore di Novara, proprio perché risultata positiva al primo tampone sul coronavirus. Si tratta, nello specifico, di due adulti e del loro figlio minorenne.

Secondo quanto emerso, tutti sarebbero in buone condizioni. Il padre si trova in una stanza, mentre la moglie e il figlio sarebbero insieme in un’altra camera. L’uomo lavora in una ditta in Lombardia e tra i dipendenti della medesima azienda è emerso un altro caso positivo. Alessandro Canelli, sindaco di Novara, ha comunque spiegato su Facebook che le tre persone non hanno sintomi particolari e stanno bene. L'importante adesso è circoscrivere la situazione. Sicuramente il post di Andrea Sbraga ha sollevato polemiche, in un momento in cui gli animi sono già abbastanza nervosi per l’emergenza che l’Italia, e tutto il mondo, sta vivendo. Il difensore comunque, appena si è reso conto del post pubblicato, ha pensato subito di rimuoverlo.

Commenti